Il governo Monti ha dirottato 2 miliardi e mezzo dalle casse del Tesoro a quelle della Morgan Stanley

Di Riccardo Ghezzi, il - # - 7 commenti

Nel silenzio assoluto, il governo Monti ha fatto un bel regalo dell’Epifania alla Morgan Stanley: 2 miliardi e 567 milioni di euro sono stati dirottati dalle casse del Tesoro a quelle della banca newyorkese. Il tutto è avvenuto il 3 gennaio scorso, un mese fa, all’insaputa degli organi di informazione italiani, così attenti ai bunga bunga o ai party del premier uscente ma evidentemente poco propensi a occuparsi dell’attuale governo in carica. Sono stati gli stessi vertici della Morgan Stanley ad aver comunicato che l’esposizione verso l’Italia è scesa da 6,268 a 2,887 miliardi di dollari: una differenza di 3,381 miliardi corrispondenti a 2,567 miliardi di euro, circa un decimo della manovra “salva-Italia” varata dall’esecutivo Monti. Una somma utilizzata dal governo italiano per estinguere una operazione di derivati finanziari, anche se non è chiara la ragione per cui la Morgan Stanley abbia richiesto la “chiusura della posizione”, opzione prevista dopo un certo numero di anni da quasi tutti i contratti sui derivati ma raramente applicata: il motivo più verosimile potrebbe essere il declassamento deciso dall’agenzia di rating Standard & Poor’s. Certo, finché nessuna delle due parti fornirà spiegazioni, si potrà rimanere solo nell’ambito delle ipotesi.
La banca newyorkese si è limitata ad annunciare trionfalmente il recupero della somma, il governo italiano non ha fornito alcuna spiegazione e i media non indagano né chiedono alcunché, né sulla gestione delle operazioni in derivati da parte del Tesoro, né sul motivo per il quale tra tanti creditori si sia scelto di onorare il debito proprio con la Morgan Stanley. Il questo modo il governo non è tenuto a spiegare perché abbia optato per il silenzio e la segretezza assoluta anziché ammettere che, mentre venivano stangati i pensionati e non solo, lo Stato provvedeva a rimborsare 2 miliardi e mezzo alla investment bank. Non sarebbe stato il massimo dal punto di vista dell’immagine e della popolarità, ma in fondo è stato lo stesso “Full Monti”, ribattezzato così proprio dalla Morgan Stanley al momento della sua nomina a premier, a dichiarare di non dover soddisfare alcun elettore, in quanto non eletto. E allore perché tace? Ha paura dell’impopolarità?
Dove sono i giornalisti che ponevano le dieci domande a Berlusconi o pubblicavano le intercettazioni telefoniche? Esiste ancora qualcuno interessato ad indagare sull’operato del governo?
Diamo un merito all’Espresso, l’unico organo di informazione italiano a parlarne: un articolo uscito ieri a firma Orazio Carabini esprime pure un certo disappunto per il fatto che né Morgan Stanley né il Tesoro abbiano voluto fornire spiegazioni al settimanale.

Riproduzione riservata - ©2012 Qelsi Quotidiano
  • Nicastro Damiano

    Ecco quanto la Banca d’Italia mi dice sulla sporca e squallida vicenda del c/c 10/645629 scomparso nel nulla e nascosto alla Procura di Ragusa da Intesa San Paolo Corrado Passera. http://youtu.be/OXQSRjnBtXk

  • giap

    popolo del web, creiamo nuovi soggetti politici, mandiamo a casa tuti gli attuali magna-magna, e leviamo privilegi e prebende e tutti i politici presenti e passati, senza distinzione di colore, che a magnà so’ stati tutti bravi, e questo li fa magnà anche di piu’, xché divide bene.

  • jus01

    Però, di come sono presentate le notizie, sembra che sia stata restituito parte del capitale sotteso dai derivati. I derivati sono dei debiti come i bot. C’è bisogno di maggiore chiarezza. Perchè non voi stessi fare la ricerca e qualche intervista a un esperto di finanza?.

  • Giorgio

    E’ un mascalzone ‘sto vecchio che anzichè essere in pensione, prende €70.000,oo al mese, per combinare danni e furti alla nazione.
    Io sono disoccupato, 50anni, 2 figli…i soldi li diano sempre ai ladri!

    • Beh lo sappiamo ” che non ripettwendosi la storia ” , da noi tutto va avanti come una volta , alla faccia di chi ci vuol male , come si diceva una volta . Certi personaggi basta guardarli in faccia . Non ne hanno mai abbastanza di fregare …. alla fine si fanno foderare la bara coi loro soldoni ….. Pernacchia prolungataaaaaa .. . !

  • Pingback: TITOLI TOSSICI E USURAI, SANGUISUGHE E FALSARI, DIETRO IL BARATRO DEL PIANETA TERRA – VALDO VACCARO()




Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti: