Gran Bretagna: vittima di bullismo perché bianco, s’impicca a 9 anni

Di Alessandra Boga, il - # - 7 commenti

aaronA volte si tende a credere che il razzismo esista soltanto da parte dei “bianchi”, degli occidentali, nei confronti dei “neri”, dei musulmani e degli immigrati in genere. Ma non è così.
Lo dimostra una storia tremenda che arriva dalla Gran Bretagna e precisamente da Birmingham, città in cui gran parte della popolazione è di origine immigrata (pakistana, indiana, bengalese ecc. ecc.).
La madre e il patrigno di un bambino di 9 anni, Aaron Dugmore, hanno denunciato che il piccolo si è impiccato per la disperazione (sì, purtroppo avete letto bene!) per essere stato vittima in quando bianco, di razzismo da parte dei compagni nella sua nuova scuola. Compagni “di origine asiatica”, hanno riferito i media locali. Il bambino è stato trovato senza vita dalla mamma nella sua cameretta.
Mamma Kelly e il marito hanno detto che altri bambini avevano anche minacciato Aaron con un coltello di plastica, dicendogli che la volta successiva ne avrebbero avuto in mano uno vero; uno di loro aveva ripetuto le agghiaccianti parole sentite dal proprio padre: “tutti bianchi devono morire”.
La madre di Aaron ha raccontato di fatto più volte presente della situazione con la preside della scuola elementare che suo figlio frequentava, ma la direttrice le avrebbe risposto: “Nessuno l’ha obbligata a mandare suo figlio qui: è stata una sua scelta”.
In quella scuola il 75% degli alunni ha origine multietnica, ma nulla, accusano i genitori di Aaron, è stato fatto per fermare gli atti di bullismo. Ovviamente la scuola smentisce, affermando che il bambino, dopo alcune difficoltà iniziali, stava integrandosi.
Ora la polizia sta indagando, ma se sono vere le accuse della famiglia di Aaron all’istituto, questo potrebbe essere l’ennesimo caso di colpevole multiculturalismo annidatosi in Occidente e in particolare in Paesi europei come l’Inghilterra; il multiculturalismo malato che spinge a giustificare ogni misfatto nel caso in cui compierlo sia lo straniero, perché sarebbe “la sua cultura” a suggerirgli di farlo ( lo si sostiene in primis nel caso dei musulmani).
Questa volta, a farne le spese nel modo più tragico, è stato un bambino inglese di 9 anni, che non è stato aiutato a dovere a superare il suo disagio di far parte di una “minoranza bianca” nella sua scuola.

Riproduzione riservata - ©2013 Qelsi Quotidiano
  • Quest’eccellente articolo, quest’orrenda notizia e la devastante realtà della quale essa è solo punta dell’iceberg vanno diffusi per ogni dove.

  • Aggiungo, che sarebbe il caso di tenere d’occhio la notizia e le sue evoluzioni processuali, poiché – fatto gravissimo – nessun quotidiano italiano la fornisce nei termini in cui, secondo le dichiarazioni della mamma del bimbo, il movente del bullismo sarebbe stato di origine razziale. Tant’è vero che riportano una strana dicitura, inconsapevole segno della questione in oggetto così come l’autrice dello scritto la riporta, in cui si parla di “perfetta integrazione del bimbo”: integrazione in che cosa, se non in un contesto diverso dal suo? E quindi quale sarebbe stato tale contesto?

  • Stiamo in una situazione: dove il nativo diventa straniero in casa propria! questo fatto dovrebbe far pensare molto proffondamente

  • Ciao. Non mancherà molto tempo, ma quano accadrà sarà troppo tardi. La lungimiranza dei nostri politici. in particolare quelli di sinistra, vogliono l’integrazione degli exstra comunitari, islamici in primis. Ma questi signori (i parlamentari), non si rendono conto, che è in atto da parte loro ( gli islamici) una invasione silenziosa, quando saranno in quanti basta, formeranno un loro partito e quanto ci scomettiamo che tutti loro lo voteranno???. Sarà l’inizio del loro predominio sulla cultura cristiana, poi, pian piano,inizieranno ad imporre la/le loro ideologie, pian piano,inizieranno a sorgere le loro Moschee,( di già avviene, ma non sistematicamente)Inizieranno ad occupare i posti di potere. Sarà l’inizio del tramonto della nostra cultura. Le chiese diventeranno moschee o ben che vada, musei.Inizieranno a discriminare gli omosessuali,e qualcuno di loro subirà nel silenzio più totale la lapidazione. Bravi i nostri lungimiranti politici vero??? Sia ben chiaro, personalmente contro gli eslamici non ho nulla, ma preferirei salvaguardare la mia identità culturale/religiosa. Cordiali saluti. P.S. Scusate eventuali errori ortografrci.

  • Paty

    Condivido pienamente il pensiero della signora che mi precede :noi europei cittadini inermi in mano a politici poco lungimiranti assestati del proprio potere e tornaconto , vogliono la distruzione della nostra religione e della nostra veduta del mondo perché il laico vero e colui che è cristiano in tutto perfino nel muoversi ogni giorno e alle urne ; ben presto saremo come i poveri bianchi dell’africa del sud che sono oggetto delle più vigliaccheria delle leggi di non libertà che esistano al mondo e oggetto de’ odio covato da chi ora nel corso del tempo lo ha covato e ora detiene il potere




Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti: