Papa Francesco scomunica il prete australiano pro matrimoni gay

Di Gianni Candotto, il - # - 51 commenti

papa-francesco-bergoglio-big-beta-2A leggere i principali media italiani che costantemente distorcono le parole del Pontefice per darne un’immagine tendente a sinistra, si rimarrebbe perplessi nel leggere questa notizia. Ma la realtà è ben diversa da quella che vorrebbero i nostri giornali progressisti: Papa Francesco ha scomunicato il prete australiano Greg Reynolds per le sue posizioni a favore del matrimonio omosessuale e delle donne prete.

La notizia è stata riportata dal National Catholic Reporter di Kansas City ed è stata ieri confermata dal Vaticano che ha dichiarato “Il dossier è stato curato dalla Congregazione per la dottrina della fede, anche se la scomunica è automatica e significa essere fuori dalla Chiesa, ovvero non poter ricevere nessun sacramento. In questo caso la decisione è stata presa per le posizioni del sacerdote che non collimano con la dottrina della Chiesa. Si tratta della prima scomunica del Pontificato di Papa Francesco. Ovviamente il procedimento era iniziato con Benedetto XVI, ma la decisione finale è stata di Papa Francesco

La lettera inviata al prete australiano non riporta ufficialmente le motivazioni della scomunica per eresia, ma l’arcidiocesi di Melbourne ha comunicato all’Australian Associated Press le note posizioni progressiste dell’ormai ex-prete, tra cui spiccavano l’apertura alle coppie gay e il sostegno alle donne sacerdote, che sono la causa della scomunica.
L’articolo del diritto canonico è il 751 “l’ostinata negazione, dopo aver ricevuto il battesimo, di una qualche verità che si deve credere per fede divina e cattolica o il dubbio ostinato su di essa” ed è la condanna più dura che la Chiesa possa esprimere.
Non stupisce il fatto che i media progressisti non diano alcun risalto a questa notizia o addirittura la ignorino completamente: si troverebbero nell’imbarazzo di dover spiegare ai loro lettori che il Santo Padre non segue la linea dettata dalle mode contemporanee che a loro piacciono tanto.

Questo articolo è stato letto 49723 volte Riproduzione riservata - ©2013 Qelsi Quotidiano
  • Ma non sarà che si potrebbe anche pensare a tutta un’ipocrisia nel recitare ed apparire, quanto invece la sostanza è realmente di destra, cioè reazionaria, ed in definitiva imperialista, al di là delle parole di facciata? Evviva le c.d. persecuzioni! Sol così si può arginare il dilagante avanzare del clericalismo, confessionalismo, anche all’interno delle istituzioni,solo apparentemente “laiche”!

  • frecciaverde

    la notizia è palesemente travisata (come spesso fa “Il Giornale” che l’ha diffusa in Italia) Andando a vedere le fonti originali australiane appare palese che i motivi della scomunica non hanno nulla a che vedere con l’omosessualità, il prete in questione era uno che “dava l’eucaristia ai cani” e trasformava le preghiere tipo dicendo “Nel nome della Madre (anzichè del Padre)”. Poi si era messo a capo di una comunità di credenti in lui e in contrasto con la chiesa dove aveva delle dottrine tutte sue…. http://www.smh.com.au/…/the-outsider-20131104-2wvjt.html

    • alessandra

      Oddio che scandalo dire “Nel nome della Madre” anzichè del “Padre”! E pensare che lo sanno tutti che Dio è maschio……

      • Vincenzo

        Già, veramente scandaloso quanto detto da frecciaverde! A parte che di eucarestia agli animali di cui non si parla da nessuna parte, cmq a me scandalizza la benedizione di una macchina o di un altro oggetto!
        In merito a Dio, Padre e Madre, sai quanti documenti del magistero cattolico si riferiscono a Dio come Padre e Madre? E’ la stessa bibbia che ci presenta un Dio ora con immagini maschili e paterni ora con immagini femminili e materne…

        • Ha più che altro tollerato che un fedele passasse l’ostia al cane.. il tutto in una chiesa da lui fondata solo dopo essere stato spogliato delle sue funzioni (a seguito di sermoni poco graditi)… Ora non discuto sul giusto o sbagliato secondo criteri laici, ma in tutta onestà non posso dire che la scomunica non se la sia cercata, da un punto di vista puramente canonico..

  • Davide

    Sono un ragazzo gay dichiarato e continuo a non capire che cosa deve interessare alle persone e alla chiesa se io mi voglio sposare con il mio compagno davanti a dio. io non vado a dire tu puoi e tu non puoi ” fare, dire, o cosa”, semplicemente perche ognuno dovrebbe pensare a sè stesso e alla propria felicità e non cercare di interferire o addirittura distruggere quella degli altri. Dio è di tutti ed è anche nostro, e se la gente la smettesse con queste bigotterie forse arriverebbe a capire il vero senso della vita e il significato della parola ” RISPETTO”. Per quanto poco possa valere ci tengo a precisare che convivo da due anni col mio compagno e i miei genitori e la mia famiglia sono parte integrante della mia vita non facendo distinzioni su la ragazza di mio fratello o sul mio compagno, sono orgogliosi della persona che mi stà accanto perchè non seguono la corrente sbagliata dei petegolezzi ma si vivono la vita per quello che è rispettando la mia e di qualsiasi altra famiglia. il matrimonio è un diritto di tutti non una festa ipocrita basata sul denaro e sui beni materiali dove si gioca a chi ha speso di piu o ha fatto il bhoom di complimenti per la scena. e chi commenta i post ogni volta sono persone che non ci conoscono e parlano solo per ” obbligo di coscienza” perche chi ci frequenta veramente non si azzarderebbe mai a esporre giudizi inappropriati.

    • francesca

      Ma ci crediamo che tu e il tuo compagno siate delle bravissime persone e non c’è NESSUN giudizio nei vostri confronti.. però non capisco perché vogliate imporre le vostre idee alla chiesa cattolica e cambiare le cose nel cristianesimo. Semplicemente non siete cristiani, se volete sposarvi davanti a Dio, cambiate religione! In questa non si può, punto. Fatevi buddisti, li con la giusta meditazione potete diventare voi stessi Dio e farvi tutte le regole che volete.. e prima di parlare a sproposito e voler sentenziare, informatevi per bene di cosa dica la chiesa, magari scrivete al Papa, potrebbe rispondervi e spiegarvi quale sia il pensiero cristiano cattolico

      • Peve

        Non è vero che non puoi sposarsi davanti a Dio Davide. Credi in Dio e ne hai tutto il diritto. Semplicemente non puoi sposarsi nel nome di Pietro, ma chi se ne frega. Distinguiamo cristiano da cattolico!

      • Vittorio

        Cara Francesca, Dio è di tutti non solo dei cattolici che innalzano e adorano le sue immaginine…..

      • Christian

        Ma guarda bello mio o bella mia che nessuno vuole sposarsi in Chiesa. Il problema qui è che lo STATO in cui vivo ( diversamente da altri 30 ) e per cui pago le tasse non mi viene dato il diritto di sposare il mio compagno e questo perché la Chiesa ogni giorno cerca di impedirlo ( da notare che il Vaticano che è UNO STATO è nella lista nera degli Stati che negano diritti in quanto non riconosce diritti a donne e bambini). Il matrimonio con le bomboniere, i cori e il velo bianco è tutto dei cattolici, ci mancherebbe. La dignità umana però è un principio che dovrebbe essere trasversale.

      • Roberto

        La prima ingiustizia del mondo é la religione.

      • alessandra

        Ci sono tante confessioni CRISTIANE che sposano coppie gay. I cattolici si distinguono ancora una volta per la loro modernità e capacità di accettazione del cambiamento. E’ successo sempre, anche per la teoria elio-centrica, l’evoluzione, l’anima ai neri etc.etc.etc. Prima o poi ci arrivano.

        • anna

          Perchè tutto ciò che è moderno è buono? Da quello che vedo in giro posso dire il contrario…

        • Alessandro

          L’anima ai neri? Questa è bella… E quando mai la Chiesa Cattolica ha negato che i neri avessero un’anima? E l’evoluzione? Citami un qualsiasi documento ufficiale della Chiesa che “non accetta” l’evoluzione. “Etc etc etc”… mavalà 😀

          • Davide

            Guarda Alessandro che la Chiesa Cattolica in un passato anche non tanto lontano ha sbagliato e non poco, soprattutto per i diritti umani, e se non sai la storia dei secoli dal 1000 DC in poi, magari è meglio che studi bene!! Una rinfrescatina di memoria storica non fa mai male………….

          • Alessandro

            Davide (non so perché ma non mi viene il tasto “replica” sul tuo commento) non fare finta di non aver capito la mia domanda. E lascia a casa quella presunzione intollerabile. Come ti permetti di dirmi di studiare? Io ho fatto un’obiezione precisa. Se non sei in grado di dare una risposta precisa è meglio che stai zitto invece di fare il saccente. Voglio vedere quanta storia (e soprattutto che storia) hai studiato tu. Ora rileggi la mia domanda e prova a rispondere nel merito, o evita altre risposte presuntuose. Non se ne può più di questa spocchia anticattolica.

      • Jeanpierre rossini

        Chiesa vuol dire amare il prossimo … Io non dico di sposarci davanti a Dio … Ma perche la chiesa ogni volta che un governo in italia decide di fare una legge per le unioni di fatto oppure matrimoni gay.. Ci deve mettere lo zampino per dire nooooo……resti al suo posto e non rompa le palle ….pero tutti i preti pedofili che son ben nascosti negli appartamenti vaticani .. Quelli nessuno li scomunica e non ce ne nessuno che e andato in prigione , casi chiusi occultati e solo un grande schifo

        • anna

          Jeanpierre, potrei dire a te resta al tuo posto e non interferire con la chiesa, cioè con cittadini italiani che pagano le tasse con queste parole che sanno di dittatura del pensiero. I preti pedofili son ben nascosti? Non è vero , la chiesa ha fatto e detto molto contro la pedofilia, cosa che non fanno altre associazioni, partiti politici ecc…dove arrivano persino a ideologizzare la libertà sessuale per i bambini…credi che nel mondo gay o nel mondo laico non ci sia pedofilia? Credi che un prete pedofilo si comporti da cattolico? Oppure da luogo a quella libertà sessuale che tanto è osannata in certi ambienti e che adesso vi fa orrore?

      • Gianni

        Francesca, se sei cristiana allora utilizza uno stile meno aggressivo e più comprensivo verso gli altri. Da quanto scrivi non mi sembra che nel prossimo tu vedi l’immagine di Cristo!

      • Roberto

        Il problema non é che se noi aderiamo ad un’altra religione, il problrma é la religione in primis che ti fa il lavaggio drl cervelloda quando nasci, quindi qua non si parla a sproposito ma ci si difende da persone che in nome dio un dio che non esiste hanno ammazzato plagiato stuprato ffisicamente mentalmente culturalmente milioni di persone.

    • anna

      Davide, intanto tu stai dicendo a tutti cosa è Dio…comunque è vero che è in ogni luogo, basta riconoscerlo e seguirlo e non a uso e consumo secondo le proprie necessità. Hai scritto Dio minuscolo e questo non ti fa onore. In ultimo la chiesa è di chi la segue e abbraccia tutti quelli che vogliono stare in essa…e anche qui non è ad uso e consumo per quello che mi fa comodo. Tu sei libero di far quello che vuoi con il tuo compagno, come la chiesa è libera di difendere i suoi principi, bisogna imparare a restituire alla chiesa la stessa libertà che si pretende per se stessi.

    • silvio

      Caro Davide, ma al si là della Chiesa, tu non potrai mai sposarti davanti a Dio con il tuo compagno. Il matrimonio a livello biblico (leggiti pure tutta la Bibbia) è sempre concepito tra un uomo e una donna. Questo non significa che Dio non vi ami e non vi protegga, però bisogna essere chiari e chiamare ogni cosa con il suo nome corretto. Per la Bibbia e quindi per le chiese cristiane il matrimonio, come sacramento, è assolutamente tra un uomo e una donna.

    • Valentina

      Dio e’ di tutti… Ed e’ anche tuo… E nn avete bisogno della benedizione di chi si sente tramite tra Dio e l’uomo.. Io combatterei per fare in modo che il mio stato mi dia qst diritto… La spiritualita’ fortunatamente nn ha bisogno di consensi

    • Paolo

      Dio benedice quello che ritiene giusto,il matrimonio gay è peccato grave e contrasta volontà di Dio e quindi non può essere da Lui benedetta come unione.

      Ravvediti e vivi in castità, chiedi a Dio che ti aiuti a nn peccare, ma l’omossessualità è peccato grave difronte a Dio. Ricordati meglio una vita sacrificata sulla terra ma l’eredità del Regno dei cieli, che una vita senza freni dove erediti l’inferno.

      Tutti coloro, anche Papi o angeli sostenitori che l’omossessualità nn è peccato sono FALSI PROFETI (come Bergoglio) che ingannano il prossimo e si ingannano da soli

      Potete dire e pensare quello che volete, ma la Bibbia portatrice di verità afferma chiaramente che l’omosessualità è peccato
      La Bibbia è portavoce della legge divina che non è avulsa dalla natura dell’universo, anzi quest’ultima segue e coincide con la prima.
      Questo non significa affatto giudicare di seconda categoria l’omosessuale, perchè può acquistare la sua immensa dignità nella via santa della castità, santificando se stesso a Dio e alla natura più incorrotta e perfetta che esiste.
      Non per caso la castità nonostante sia una pratica dell’infruttuosità non è un’ atto contro natura, perchè è una vocazione, che a non tutti è data, regolata dalla natura divina, e solo da lei concessa.
      Questo non accade per la natura dell’omosessualità, che trova fondamento nell’imperfezione e va onorata nella santificazione che redime di pura bellezza.

      La nostra libertà, ricordiamo che viene da Cristo e non dalla carne, e questo vale per tutti noi.

      “Ogni battezzato è chiamato alla castità. Il cristiano si è rivestito di Cristo, modello di ogni castità. Tutti i credenti in Cristo sono chiamati a condurre una vita casta secondo il loro particolare stato di vita.

      « 22Non ti coricherai con un uomo come si fa con una donna: è cosa abominevole. 24Non rendetevi impuri con nessuna di tali pratiche, poiché con tutte queste cose si sono rese impure le nazioni che io sto per scacciare davanti a voi. 29Chiunque praticherà qualcuna di queste abominazioni, ogni persona che le commetterà, sarà eliminata dal suo popolo. » (Levitico 18,22;24;29)

      « Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; le loro donne hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura. Egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che s’addiceva al loro traviamento. E poiché hanno disprezzato la conoscenza di Dio, Dio li ha abbandonati in balìa d’una intelligenza depravata, sicché commettono ciò che è indegno. […] E pur conoscendo il giudizio di Dio, che cioè gli autori di tali cose meritano la morte, non solo continuano a farle, ma anche approvano chi le fa. » (Rom 1,24-28.32)

      « O non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non illudetevi: né immorali, né idolàtri, né adùlteri, né effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapaci erediteranno il regno di Dio. » (1 Corinzi 6,9.10)

      L’ omosessualità è vista dalla Chiesa (leggi catechismo della chiesa cattolica) come una “prova”
      « Un numero non trascurabile di uomini e di donne presenta tendenze omosessuali profondamente radicate. Questa inclinazione, oggettivamente disordinata, costituisce per la maggior parte di loro una prova. Perciò devono essere accolti con rispetto, compassione, delicatezza. A loro riguardo si eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione. Tali persone sono chiamate a realizzare la volontà di Dio nella loro vita, e, se sono cristiane, a unire al sacrificio della croce del Signore le difficoltà che possono incontrare in conseguenza della loro condizione. »
      (Catechismo della Chiesa Cattolica, 2358)

      per un cattolico l’omosessualità è la più grave colpa che si possa commettere.
      Informati su tutti i passi del Vecchio e Nuovo Testamento che considerano l’omosessualità, non solo un grave peccato, ma addirittura una colpa estrema che grida vendetta al cospetto di Dio. Un così detto ABOMINIO. Vedi il Nuovo Catechismo della Chiesa cattolica, canone 1867.
      http://www.vatican.va/archive/ITA0014/__
      In sosatanza sono dottrinariamente elaborati i quattro peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio:
      1. Omicidio volontario
      2. Peccato impuro contro natura
      3. Oppressione dei poveri
      4. Frode nella mercede agli operai
      Tale scelta della chiesa cattolica deriva in primis dai seguenti passi biblici:
      Gen 18,20; Gen 19,13; Levitico18,22. 20. 29, 13; Deuteronomio 23:17,18; 1 Re 14,24 (relativo ai prostituti sacri omosessuali)
      Lettere di S. Paolo: Romani 1,24-28. 32, 1 Corinzi 6,9-10, 1 Timoteo 1,9-10.
      Tra le altre cose per un cattolico è più grave il peccato di lussuria rispetto alle altre colpe perché viene commesso all’interno del proprio corpo (perdonami non ricordo il passo preciso di San Paolo a riguardo, ma documéntati), perciò tra i 4 peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio teologicamente quello di sodomia è il più grave per due motivi:
      1) perché è contro Dio (cosa ben più grave, visto che è infinito bene), mentre gli altri 3 sono contro il prossimo che comunque è peccatore

      • Ariano Prandi

        Leggo delle presunte indicazioni date da Dio agli uomini nel Levitico…chissà perché, però, ci si sofferma solo sulla parte relativa all’omosessualità e non anche a, per esempio, su come trattare le donne, su cosa mangiare, su cosa fare il Sabato…se uno legge di divieti/indicazioni in tutto l’Antico Testamento ce ne sono a decine…mentre nel Nuovo, casualmente, di tutto ciò non c’è n’è nemmeno l’ombra (…tanto per citare, ci si ricorda di come Gesù giudicava i Farisei tanto devoti? Quindi se lo faceva lui…). Ed ovviamente queste “indicazioni” sono del tutto disattese perché sono un riflesso della società del tempo che non brillava per tolleranza ed amore per il prossimo (…non che oggi…).
        Quindi chi parla di ciò che Dio avrebbe detto nella Bibbia è solo un ipocrita che cita solo cosa gli fa più comodo.

    • Elma

      Ciao, Davide, condivido in pieno tutto quello che hai detto, RISPETTO è la parola più importante e significativa, peccato che ancora ci sia gente bigotta e ipocrita… Mi piacerebbe condividerlo sulla pagina del mio profilo fb… Il mio nome è Elma Schippa, piacere…

    • Charlie

      Bravo!!!..è questo che la gente non vuol vedere, e soprattutto…non c’è niente di sbagliato se tutto parte dall’AMORE!

  • ho letto i commenti di coloro che hanno lasciato un loro pensiero più o meno arbitrario. La Chiesa ha un suo Credo e nel suo Credo non rientra il matrimonio gay. Bisogna che ce ne facciamo una religione anche se Gesù non è mai stato discriminante nei confronti di qualsiasi persona che vivendo onestamente la sua sessualità senta il bisogno che l’amore che prova per il suo compagno o compagna possa essere anche benedetto. Nessuno sceglie di essere gay o di nascere nero, giallo rosa o blu ma la cosa che dovrebbe importare a tutti noi e che il continuo vessare della Chiesa ogni qualvolta che un partito propone una legge che difenda e valorizzi anche le unione gay, interviene. E’ logico che i gay così vengono visti da tutta la comunità come delle persone perverse e deviate aumentando il tasso di omofobia che in alcuni paesi della nostra Europa dilaga sempre più. Il rispetto deve essere alla base di un vivere civile ed è lo Stato che DEVE promuovere leggi che tutelino le unioni gay, poiché tutti abbiamo diritto di poter vivere senza nascondersi o vergognarsi di come si è. Alla Chiesa non si può chiedere di unire due persone dello stesso sesso poiché per la Chiesa una unione ha un progetto famiglia che, persone dello stesso sesso per un fattore naturale, non può creare. Quindi non meravigliamoci se il Vaticano non da accesso a questo ma ricerchiamo nello Stato una risposta a queste domande. La religione è una cosa intima, personale, un rifugio nel quale ci ritroviamo durante la giornata. Non strumentalizziamo sempre tutto ma apriamo la mente al fatto che non c’è solo il bianco e il nero ma anche il grigio che se si guarda bene può essere abbinato altri altri due colori senza che risulti sgargiante o non accostabile. Godiamo della vita e sorridiamo al nostro prossimo…..forse nel nostro prossimo riusciremo a trovare affetto, amicizia, solidarietà e amore…che non guasta mai. :-)

    • Valentina

      Mi perdoni, ma nn capisco perke la Chiesa nn possa analizzare dei precetti che nn sn piu adatti ad una societa’ del 2 millennio… La storia ci insegna che ci sn stati dei cambiamenti epocali che con il tempo ha dovuto accettare … Oggi siamo tutti consapevoli che le sacre scritture devono essere considerate allegorie… Purtroppo io nn riesco ad immaginare Gesu’ che neghi la sua benedizione ad una coppia gay… Da etero io nn riesco proprio a comprenderlo… La perversione dilaga… Ed e’ qlla che nn
      Puo essere giustificata, soprattutto se e’ fatta a danno di altri , ma perverso nn e’ sinonimo di omosessuale… E qst deve essere chiarito . … Io ho una stima profonda per il nostro papa e confido in lui per la risoluzione di qst problema!!!

  • Roberta Pascolin

    Grazie

  • Pingback: Papa Francesco scomunica il prete australiano pro matrimoni gay | Infodirilievo()

  • Caro Davide, guarda qui: http://www.mccfirenze.org




Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti: