Scie chimiche: come smontare scientificamente le buffonate dei complottisti

Di Alessandro Sabatino, il - # - 22 commenti

scieLa teoria del complotto delle scie chimiche è una tra le bufale meglio architettate e più in voga tra i complottisti. E sta assumendo grosse proporzioni, tanto che persino “La Stampa” se n’è occupata con due ottimi articoli a firma di Silvia Bencivelli, la quale ha spiegato la nascita e l’evoluzione di questa bufala. E per questo si è presa insulti ed epiteti a dir poco beoti, a lei va tutta la nostra solidarietà.
Ma perché le scie chimiche sono una bufala?
La ragione è semplice: ciò che i complottisti chiamano “scie chimiche” sono delle semplici scie di condensazione, dovute al rapido passaggio dell’acqua dallo stato di vapore allo stato liquido. Questo avviene a causa del passaggio del vapore acqueo dai motori dell’aereo nei quali avviene la combustione del carburante dell’aereo all’esterno. Alle quote in cui viaggiano gli aerei di linea la temperatura esterna è circa -30°C/-40°C, il che permette la formazione delle scie di condensazione.
La domanda che sorge spontanea ad un osservatore attento è: perché certe volte le scie scompaiono dopo pochi secondi, mentre altre persistono per varie ore? La spiegazione di ciò è legato allo stato in cui si trova l’atmosfera in quel momento: se al passaggio dell’aereo l’atmosfera ha un’umidità superiore al 70% e una temperatura inferiore ai -25°C (condizione che non è assolutamente rara sopra i 7000-8000 m) ecco che la scia può persistere per delle ore. Ovviamente queste sono le condizioni in cui normalmente si formano: modelli matematici hanno predetto che a temperature più basse le scie possono persistere anche allo 0% di umidità.
Non ci sono solo le scie di condensazione, ma anche le scie di convezione e quelle aerodinamiche (le cosiddette “trecce di Berenice”) che si formano in seguito a delle condizioni atmosferiche particolari, in presenza di elevata umidità.
Esistono inoltre vari studi di scienziati di tutto il mondo sulle scie persistenti, che concludono tutti la stessa e identica cosa: dentro a quelle scie non c’è nessuna traccia dei metalli pesanti propagandati dai teorici del complotto globale, ma semplicemente acqua. E questo è stato trovato da almeno 6 studi indipendenti, con almeno 3 metodi di misura diversi. Qualcuno potrebbe obbiettare che prima di una data specifica, che normalmente per i complottisti è tra il 1990 e il 1995, nessuno ha mai visto delle scie di condensazione persistenti. Falso: esistono migliaia di foto dei bombardieri di varie guerre passate (Corea, Vietnam,…) lasciare queste scie, esistono migliaia di foto di aerei civili degli anni ’70 o ’80 che lasciano queste scie. E la ragione per cui se ne vedono di più che in passato è perché il traffico aereo è a dir poco triplicato in questi ultimi 20 anni.
Le scie chimiche sono un complotto “impossibile”: quante persone dovrebbero mantenere il silenzio? Milioni: piloti, controllori di volo, meteorologi, ufficiali di aeronautica, controllori di volo, scienziati, compagnie aeree… Tutti pagati per stare zitti? Tutti complici del complotto per avvelenarci? Nessuno che parla fornendo dettagli tecnici o dati? Nessun pentito di questo sterminio globale? Impossibile.
Si tratta di una bufala che non si regge in piedi: difetta sia di logica che di spiegazioni scientifiche. Le scie chimiche nel tempo sono diventate “dispensatrici di morte”, “causa di malattie”, “causa di terremoti”. Ci piacerebbe che qualcuna di queste persone che crede e propaganda questo complotto spiegasse perché siamo ancora tutti vivi. O come possono scientificamente delle nuvole causare dei terremoti. E ancora, perché dovrebbero sterminarci tutti? Quale sarebbe lo scopo di questo auto-sterminio? Anche qui, la logica difetta.

Questo articolo è stato letto 2743 volte Riproduzione riservata - ©2013 Qelsi Quotidiano
  • max

    La cosa è più seria di quanto pensiate, una riflessione, le scie si sono intensificate ultimamente, ora gli aerei sono molti di più, il vostro naso ha perso la sensibilità per quanto riguarda gli odori leggeri e non vi siete accorti di questo, queste irrorazioni saranno sempre più intense fino a provocare il cancro, il passaggio di irrorare è stato fatto gradualmente per non far sentire di colpo le differenze altrimenti tutti avrebbero reagito.
    Una novità che ho scoperto, non tutte le scie sono uguali, alcune in particolare modo non contengono i metalli e sono irrorate nelle zone del potere, non tutti i Politici lo sanno.
    Qui nasce il grande inganno.
    Attenti a chi governa l’Italia questi non sono come noi.

  • Komma

    Rosario “strakkino” Marcianò wrote: Cazzate: i B-17 a pieno carico non potevano volare a più di 6000 metri ed i bombardamenti si eseguivano sui 4000 metri. Quelle “foto” sono falsi.

    Ahahahahahahaha….certo, chi più di Strakkino sa quali sono le cazzate…lui ne scrive quintalate tutti i giorni… certo le foto (storiche) sono sicuramente false vero Strakkino? Anche queste vero?

    http://www.vintagewings.ca/Portals/0/Vintage_Stories/ArchivedStories/news_07032008_4.jpg

    http://forum.armyairforces.com/download.axd?file=0;222511&where=&f=Contrails%20Odd.jpg

    http://www.486th.org/Photos/AC3/3rdAD.jpg

    http://1.bp.blogspot.com/_NFtqCMIGTKU/R4ZScoYK4cI/AAAAAAAABD8/_fJNZwwIoNc/s1600/groupcontrails.jpg

    Non ci vuole tanto, basta usare la rete per cose utili e non intasarla di minchiate…

  • crunch

    G.le sig Sabatino, l’intento di banalizzazione e la superficialita’ con cui ha trattato questo argomento e’ disarmante, sappia che oltre al sig Marciano’ ci sono anche altri in tutto il mondo che hanno fatto ricerche su un fenomeno ormai evidente a tutti.
    In italia il giornalista Gianni Lannes ha perfino trovato documenti riguardanti precisi accordi tra il nostro paese e gli usa/nato presi dai nostri governi.
    In pratica l’irrorazione dei cieli ha multipli scopi, oltre alle tecniche di modificazione del clima gia’ in atto da decenni, ultimamente e’ in atto una sorta di irrorazione conduttiva col preciso scopo di rendere i cieli del nostro paese una sorta di ponte per il telecontrollo dagli usa di droni utilizzati in medioriente o chissa dove.
    Il muos e’ la ciliegina sulla torta da cui probabilmente questi droni verranno guidati a lavori ultimati.
    Si documenti e faccia ricerche prima di fare sarcasmo.

  • Pingback: Le scie chimiche non esistono… | altreinfo.org()




Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti: