Assad:”Senza Putin, l’Isis avrebbe conquistato gran parte della Siria”

Assad

“Se non fosse stato per la Russia di Putin, l’Isis e gli altri gruppi terroristici che operano in Siria avrebbero occupato territori molto più vasti”. A dirlo è stato il presidente siriano Bashar al Assad, incontrando Vladimir Putin a Mosca. La notizia, diffusa stamane dalla tv di Stato della Siria, è stata confermata anche dal Cremlino.

Assad ha espresso “enorme gratitudine a tutte le autorità della Federazione russa e al popolo russo per l’aiuto che forniscono alla Siria. Tutti i passi politici intrapresi dalla Federazione Russa sin dall’inizio della crisi – ha aggiunto – hanno evitato agli eventi in Siria di raggiungere un livello ancora più tragico. Naturalmente ognuno capisce che ogni azione bellica prevede dei passi politici ulteriori e che l’obiettivo comune per tutti deve essere quello di vedere il popolo siriano nel futuro del proprio paese”.

Il portavoce della presidenza siriana, ha reso noto che Putin “ha informato Assad sull’intenzione di avere dei colloqui con le potenze internazionali al fine di ottenere una soluzione politica alla crisi siriana combattendo, allo stesso tempo, contro il terrorismo”.

Redazione

Redazione1908 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

3 Comments

  • luciano tanto Reply

    21 ottobre 2015 at 3:31 pm

    bashar e putin, solo sono uno dei livelli dei diversi gradi di nemici della democrazia e l’armonia(!) del mondo. la differenza con l’Isis é che la sua pericolistá é costante ma lenta, e immediata quella della “jihad”.

    • alberto Reply

      14 novembre 2015 at 9:28 am

      D’accordo che ognuno ha diritto alle proprie opinioni ma chi è appena un po’ saggio ci pensa prima di rendersi ridicolo esponendone di quelle decisamente bizzarre. Il suo commento mi pare ridicolo soprattutto in quanto privo di ogni legame con la realtà: perché non cita chi non ha esitato a causare una guerra in Siria (A lei dava fastidio la Siria?) con centinaia di migliaia di morti al solo scopo di guadagnare posizioni di potere nello scacchiere mondiale di una guerra della quale solo loro -per capirci parlo di Obama e suoi accoliti- sono responsabili. Le ricordo che fu proprio la Clinton a dichiarare che l’Isis era una loro creatura o forse questo “dettaglio” le è sfuggito?
      Per questo le consiglio di riflettere bene su quali siano le cause e quali gli effetti prima di rendersi ridicolo.

      • luciano tanto Reply

        17 novembre 2015 at 12:23 pm

        infatti solo gente come lei capisce tutto, il resto siamo imbecilli. leggere la realtá esige buona fede. e l’affetto per putin e la familia di carnefici di el bashar equivale alla balla del isis come invenzione di washington. saludos subdesarrollados.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it