Assalto al palazzo vuoto: scontro tra polizia, sfrattati e centri sociali

Scontro tra polizia in assetto anti sommossa, giovani del centro sociale Gramigna e una quindicina di famiglie prevalentemente straniere sotto sfratto oggi davanti ad uno stabile vuoto.

Padova – Il gruppo ha tentato di entrare di forza nell’edificio, adibito a sede per studenti universitari ma da un paio di anni disabitato.

La polizia ha bloccato i giovani, uno è finito in ambulanza all’ospedale: secondo i manifestanti sarebbe stato colto da malore. Un giovane è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale.

Il Gazzettino

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • giuseppe Reply

    7 aprile 2015 at 12:06 pm

    Il Gramiglgna e Pedro vanno sciolti, sono terroristi ispirati al marxismo, tollerati nelle passate amministrazioni da Zanonato, quello che portava i soldi-tangenti delle coop a sua insaputa, come disse anche il pm Nordioe grande protettore dei delinquenti zingari del capo di via Longhin che rubavano a man bassa, come dimostrato dagli arresti.

  • giuseppe Reply

    7 aprile 2015 at 12:07 pm

    Il Gramigna e Pedro vanno sciolti, sono terroristi ispirati al marxismo, tollerati nelle passate amministrazioni da Zanonato, quello che portava i soldi-tangenti delle coop a sua insaputa, come disse anche il pm Nordioe grande protettore dei delinquenti zingari del capo di via Longhin che rubavano a man bassa, come dimostrato dagli arresti.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it