Baby migrante 11enne sopravvissuta al mare: «Fratelli e sorelle vi prego: non partite»

20150429_c4_lettera-migranteHa 11 anni, viene dal Gambia e per lei il nostro Paese è solo un posto come un altro, un posto “chiamato Italia” in cui è arrivata a bordo di un barcone di morte. E’ arrivata a Reggio Calabria la mattina del 14 aprile, a bordo della nave Orione, da sola: era partita con mamma, papà, un fratellino e una sorella più grande. Sono morti tutti in mare, la sorella ha usato le sue ultime forze per non farla annegare.

Ha ancora l’orrore ancora negli occhi mentre scrive una lettera pubblicata dal Corriere della Sera in cui prega i suoi “fratelli e sorelle” di non partire, di “non arrivare in questo modo”. “Vi prego, vi prego, vi prego. Vi dico queste parole perché so cosa ho visto e ho visto molte cose che non posso raccontare. Quel che posso dire a voi, a chi sta per arrivare è: non fatelo, per favore, fratelli e sorelle”.

Il suo racconto è tutto quello che resta di quella famiglia che si è salutata in Libia: sì, perché papà aveva pagato un po’ di più lo scafista per far stare le figlie più in alto nella nave, per non finire nella stiva dove non si respirava.

Fonte: Il Mattino

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it