Baghdad, manifesti affissi su chiese e case esortano le donne cristiane a mettere il velo come Maria

Baghdad L’inquietante notizia è stata riportata dal quotidiano online “Al Araby al-Jadid”. Attivisti e testimoni citati fanno sapere che negli ultimi tempi, nei quartieri cristiani della capitale irachena, i muri delle case e delle chiese sono tappezzati di “appelli alle nostre rispettabili sorelle cristiane” perché indossino l’hijab, il “velo islamico”, come era velata la Vergine Maria. L’antifona di “rispettabili donne cristiane”, è che colei non segue il “consiglio” di velarsi, non è rispettabile, esattamente come gli integralisti islamici considerano una donna musulmana non velata. “Fermati e rifletti: perché la Vergine Maria era velata?” – si legge sui manifesti. Risposta: “La Vergine Maria era velata poiché questa è la sunna dei profeti, emanata dal Signore e detestata da Satana” e “Tu devi seguire l’esempio della Vergine Maria, allora perché non indossi il hijab?”.

Queste imposizioni, queste minacce – perché di ciò si tratta e chi non obbedisce, ne pagherà le conseguenze – non hanno mancato di suscitare allarme nella comunità cristiana di Baghdad, tanto più che i cristiani iracheni non ricevono protezione dal governo. Dal 2003 vengono sistematicamente minacciati – vedi la lettera “N” di “Nazareni” sui muri delle case cristiane a Mosul –; milizie armate hanno sequestrato la maggior parte dei loro beni nella capitale, subiscono rapimenti, furti e uccisioni da parte di al-Qaeda, dalle milizie sciite vicine al regime di Teheran e dall’Isis. Tutto ciò, lo ricordiamo, ha causato uno spaventoso esodo di cristiani dall’Iraq.

Alessandra Boga

Alessandra Boga161 Posts

Nata a Magenta (MI) il 26/08/’80, vive a Meda (MB). Liceo classico, Scienze dell’Educazione all’Università Cattolica di Milano, tesi dal titolo “Donna e islam: la questione del velo”. Ha scritto due libri “Donne la notte” (2009), “Soltanto una donna” (2011). Collabora con “Il Jester”; “Il Legno Storto”, “L’Occidentale”, “Islamofobia”, “Al-Maghrebiya” e la rivista “Genio Donna”

Commenta con il tuo account social

3 Comments

  • Ben Reply

    17 dicembre 2015 at 11:58 am

    vedrete quanto poco ci mancherà che succeda in itaglia ormai nelle mani dell’ orda islamica voluta dal falso papa massone e filo islamico aiutato dai comunisti leziosi e pieni di odio tanto quanto gli islamici!!

  • Riudecols Reply

    17 dicembre 2015 at 12:34 pm

    Ma e’mai possibile che una religione possa imporre regole sceme ad altri,nessuna religione deve imporre Leggi tanto meno la mussulmana.E’ come imporre politicamente una dittatura seguendo l regole inventate da profeti illusi di essere degli dei.Ricordiamoci che l’universo e’talmente grande che e’ da irresponsabili credere che un dio (sia questo GESU’,MAOMETTO,BUDDA ETC.) sia venuto in terra per insegnarci come impostare le nostre azioni;siamo nati per fenomeni naturali evolutivi,ma il discorso sarebbe troppo lungo da proseguire.

  • Giovanni Bravin Reply

    17 dicembre 2015 at 12:50 pm

    Cartelli aninimi e affissi nottetempo, possono dire che:
    le auto, la chimica, farmacetuca, armamenti, elettricità ma soprattutto i ricavi del petrolio sono VIETATI perché DUEMILA anni fa, non c’erano. Ovviamente, l’esercito e polizia si troveranno con fionde, archi, frecce e spade…

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it