Cagliari, abusi sessuali su quattro adolescenti: l’ex parroco finisce in carcere

preteEra stato già sospeso dalla Curia quando la notizia dell’indagine era circolata giorni fa. Ora don Manca è finito in carcere con l’accusa gravissima di pedofilia.
I primi abusi, secondo i carabinieri, risalirebbero a tre anni fa quando don Pascal Manca, ex parroco di Villamar prestava servizio a Mandas, due piccoli centri del Cagliaritano.

Nell’inchiesta coordinata dal pm Liliana Ledda emergono abusi su quattro ragazzini nel 2012 e nel 2014: due dodicenni nel primo caso, quando era ancora a Mandas, e due sedicenni a Villamar. Si parla di atti sessuali non completi. In tutte e due le comunità il parroco aveva a disposizione delle canoniche ed è proprio lì che si sarebbero consumati gli abusi. In alcune circostanze pare che abbia usato anche dei sonniferi per agire indisturbato.

Tutto partì da una denuncia del 2012 : i carabinieri hanno cercato di riscostruire pazientemente gli episodi di pedofilia e il giudice ha optato per il carcere. Il sacerdote è stato portato nel penitenziario di Uta e al momento dell’arresto si trovava a Nuraminis, a casa dei genitori. C’erano già sospetti su di lui. Per questo era stato allontanato da Mandas e poi anche da Monserrato, dove era ospite di un altro parroco. Ma le perquisizioni personali, da cui spunta anche materiale pedopornografico, avevano destato una sollevazione tra i residenti che si sono ribellati alla presenza del sacerdote, così, alla fine, aveva trovato rifugio solo a casa dei parenti.

L’esigenza di custodia cautelare, motivata dal gip di Cagliari, consiste nel timore che don Manca potesse fuggire o, peggio, reiterare il reato.

Il Messagero

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • emi Reply

    7 maggio 2015 at 1:45 pm

    questa cosa è veramente schifosa!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it