Ciclista ucciso, a travolgerlo ubriaco senza patente

Immagine 7Ha travolto e ucciso un ciclista mentre era al volante sotto l’effetto di alcol e privo di patente dal 2007, quando gli era stata sospesa per ebbrezza alla guida. Poi è corso a casa e ha convinto la moglie a dichiarare che era lei al volante al momento dell’investimento fatale.
Deve rispondere di omicidio colposo, falso ideologico, omissione di soccorso e di aver causato un incidente dall’esito mortale in stato di ebbrezza, Mauro Grazioli, 45enne, operaio di Castrezzato, reati per i quali è finito agli arresti domiciliari. Era una storia tutta da riscrivere quella dell’investimento mortale costato giovedì sera la vita a Mohamed Orabi, 42enne egiziano dipendente di un’azienda agricola della zona, padre di quattro figli, falciato mentre rincasava.

A smascherare il tentativo del 45enne di sottrarsi alle sue responsabilità sono stati gli uomini della Polizia Stradale di Chiari. Troppi gli elementi che non quadravano: l’ora del sinistro indicata dall’uomo, tornato con la moglie sul luogo della tragedia dopo aver lasciato a casa la Lancia Y pesantemente danneggiata, non collimava con l’orario della chiamata al 118, di mezzora più tarda, né con quello delle riprese da una telecamera di sorveglianza.

Troppe le anomalie e le incoerenze. E il tasso alcolemico dell’uomo oltre i limiti, stando alla rilevazione del precursore, ha insospettito ulteriormente. Il racconto di un vicino di casa che ha notato il 45enne scendere dalla Lancia Y una manciata di minuti dopo la tragedia davanti alla sua abitazione ha dato ulteriore impulso alle indagini.

Messi alle strette, marito e moglie convocati negli uffici della Polstrada di domenica hanno ammesso le loro responsabilità. Per l’uomo è scattato l’arresto, indagata a piede libero la moglie. Una storia tutta da riscrivere. E ancora più dolorosa da raccontare ai quattro figli dell’egiziano ucciso sulla strada di casa.

Fonte: Il Giornale di Brescia

Redazione

Redazione1908 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it