Cristiani perseguitati, domani preghiera e testimonianze al Colosseo

11208811_10206677460634419_822910085_nVenerdì 8 maggio, alle 20:30, si svolgerà al Colosseo di Roma (Arco di Costantino – Via di San Gregorio) uno spontaneo momento di preghiera e di testimonianze sulla persecuzione contro i cristiani nel mondo. Per ricordare, senza bandiere politiche, religiose o laiche, ciò che ha detto Papa Francesco, ovvero che “Oggi la Chiesa è una Chiesa di martiri”.

L’evento è annunciato con queste parole “Bruciati, crocefissi, decapitati, uccisi in mare, scacciati dalle loro case, la lettera N, Nazareni, scritta sulle loro case per individuarli: non c’è mai stato nella storia un tempo di così terribile persecuzione contro i cristiani. Da tante parti del pianeta si alza un grido di dolore che scuote le coscienze, ma i potenti del mondo restano indifferenti”. Perciò si invita a partecipare alla manifestazione “in unione con le intenzioni del Papa e dei vescovi italiani”.

Non è casuale il luogo in cui avverrà: l’Arco di Costantino è un simbolo della gloria dell’impero romano – pur non dimenticando che Costantino legittimò il cristianesimo con l’Editto di Milano” del 313 e di fatto pose fine alle persecuzioni contro i cristiani –; a fianco c’è il Colosseo, l’arena dove notoriamente nella Roma imperiale i cristiani venivano dati in pasto ai leoni e martirizzati.

Venerdì sera si reciterà il Rosario e si ascolteranno toccanti testimonianze di cristiani perseguitati oggi, dall’Iraq all’India, dal Pakistan alla Siria e alla Nigeria.
L’iniziativa, ha spiegato al quotidiano “La Stampa” il gruppo di fedeli che l’ha organizzata, “ha una genesi molto semplice, come semplice è il gesto che viene proposto. Circa un mese fa, in un’occasione banale come una cena tra pochi amici, emerge lo sconcerto per le notizie che da anni continuano ad arrivare sulla persecuzione dei cristiani, alle quali ormai sembriamo esserci abituati. Neppure si trovano più nelle cronache principali, ma bisogna cercarle e condividerle sui media specializzati.

Paesi dove per secoli c’è stata una pacifica convivenza di fedi e culture vengono lacerati da odio e brutalità, sempre contro i più pacifici e indifesi, i più facili da colpire. La mattanza dei cristiani è divenuto il tacito e accettato prezzo su cui erigere un nuovo ordine inquietante e oscuro.
È chiara la coscienza che questa violenza inaudita tocca anche noi, i nostri figli educati alla fede, i nostri amici appena un po’ più distratti. Da qui l’esigenza di non restare indifferenti, di mostrare che siamo vicini alle sorelle e ai fratelli perseguitati perché la Chiesa di Cristo è una.
L’idea è quella di un gesto pubblico di preghiera, che a Roma trova nel Colosseo la cornice ideale per celebrare la quotidiana Via Crucis di tanti cristiani e cristiane del nostro tempo. La scelta cade su un venerdì, per recitare i Misteri Dolorosi del Rosario, ascoltare la lettura di brevi racconti dalle terre della persecuzione e affidare a Maria Regina dei Martiri i patimenti e il merito prezioso dei fratelli e delle sorelle che offrono la vita per difendere la fede cristiana”.

Alessandra Boga

Alessandra Boga161 Posts

Nata a Magenta (MI) il 26/08/’80, vive a Meda (MB). Liceo classico, Scienze dell’Educazione all’Università Cattolica di Milano, tesi dal titolo “Donna e islam: la questione del velo”. Ha scritto due libri “Donne la notte” (2009), “Soltanto una donna” (2011). Collabora con “Il Jester”; “Il Legno Storto”, “L’Occidentale”, “Islamofobia”, “Al-Maghrebiya” e la rivista “Genio Donna”

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • Cristiani perseguitati, domani preghiera e testimonianze al Colosseo | aggregator Reply

    16 maggio 2015 at 12:42 pm

    […] Cristiani perseguitati, domani preghiera e testimonianze al Colosseo […]

  • seregaza Reply

    14 luglio 2015 at 11:06 am

    !!! NON IGNORARE, PRENDERE IL TEMPO DI LETTURA, QUESTA TESTIMONIANZA!
    il mio nome è vittoria la signora SEREGAZA ho 40 anni che sono una madre di una figlia di 3 anni 1 mese fa mia figlia ha sofferto di cancro al cervello ho avuto 10000€ per garantire il suo recupero così comincio a guardare per il prestito, ma purtroppo per me che stavo truffa ai danni di necessità mutuante non ha altra scelta che ho perseverato nella mia ricerca per fortuna che il mio coraggio mi ha messo sulla destra Mr Mario SANCHEZ, che mi ha dato un prestito di 20000€ in 72 ore solo tramite bonifico bancario, che ha permesso la guarigione di mia figlia e l’apertura della mia piccola impresa di persona. Questa testimonianza è per te che sono stanchi di essere rifiutati dalle banche, avete abbastanza sai dove mettere la testa che segue i vostri problemi finanziari. Avete bisogno urgente, veloce, affidabile e legittimo finanziamento uno solo per essere soddisfare
    Si prega di contattare Mr Mario Sánchez
    Indirizzo email: mario.sanch000@gmail.com

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it