Cyber-defence NATO a Roma

CAT_3336Attacchi informatici, hacking, minacce alla sicurezza delle reti e relative contromisure hanno tenuto impegnati, dal 21 al 24 aprile, i circa 400 esperti e specialisti militari e civili della NATO che hanno preso parte all’esercitazione di cyber-defence “Locked Shields 2015”, organizzata dal NATO Cooperative Cyber Defence Centre of Excellence di Tallinn (Estonia) e diretta, per l’Italia, dal Comando C4 Difesa con il contributo del mondo accademico e dell’industria di settore.

Concepita nel quadro della cooperazione multinazionale nel campo della difesa cibernetica, la “Locked Shields 2015” è tradizionalmente finalizzata all’addestramento e al coordinamento degli specialisti di settore – civili e militari – nella gestione delle emergenze informatiche, con particolare riguardo all’individuazione e alla neutralizzazione di attacchi cibernetici su larga scala.

Giunta alla sua sesta edizione, l’esercitazione ha visto quest’anno la partecipazione di 16 teams – che hanno operato ciascuno dal proprio Stato d’appartenenza – e del NATO Computer Incident Response Capability Technical Centre (NCIRC – TC).

Ambientata in un fittizio scenario di crisi – nella fattispecie, un Paese Nord-europeo membro della NATO e dell’UE teatro di attacchi di natura informatica e convenzionale – la “Locked Shields 2015” ha visto lo schieramento e l’impiego di teams di specialisti nel computer emergency response a protezione delle reti informatiche di controllo di velivoli a pilotaggio remoto.

In particolare, l’esercitazione è consistita nella gestione, da parte di teams di reazione rapida, di emergenze informatiche della più varia natura, quali attività di disturbo, hacking e veri propri attacchi alla sicurezza delle reti militari e civili, con numerose implicazioni di natura legale e mediatica.

L’esercitazione – la quarta di questa tipologia cui partecipa l’Italia – ha costituito un’occasione di approfondimento e di confronto su un tema, quello della sicurezza cibernetica, che è da tempo una delle priorità tra i Paesi dell’area euro-atlantica, impegnati nel garantire una risposta integrata ed adeguata ad una minaccia, quella informatica, sempre più diversificata e sofisticata.

Fonte: Stato Maggiore Difesa

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it