Disabile e con 4 figli, vive con 280 euro: la triste storia di un giovane italiano

disabiliNell’Italia dove il razzismo al contrario è sempre più frequente e dove gli immigrati arrivati sui barconi hanno più diritti di chi è nato qui, spicca la storia di Michele Cimino, un disabile palermitano, costretto a vivere con appena 280 euro al mese. Soldi con i quali deve mantenere quattro figli.

Scrive Il Giornale di Sicilia:

“Cerco di sopravvivere con appena 280 euro al mese di pensione di invalidità. Ho 4 figli da mantenere. Non ce la faccio più. Non cerco soldi, ma un lavoro, che mi ridia dignità”. È l’ennesimo grido di dolore di un giovane palermitano, Michele Cimino, disabile, senza più un’occupazione ma con una famiglia numerosa da mantenere.

Per lui, che stamattina ha raccontato la sua storia alla trasmissione Ditelo a Rgs, e per i suoi familiari ogni giorno diventa sempre più difficile. “Sopravviviamo con meno di 300 euro che provengono dalla mia pensione d’invalidità”. Ad aggravare la sua situazione e a rendere ancora più complicata la ricerca di un lavoro la disabilità motoria a un braccio. “Non chiedo soldi, ma un posto di lavoro per campare la famiglia, ma per me, che non ho un braccio, è tutto ancora più difficile. Da gennaio sono iscritto alle liste di collocamento per le categorie protette, ma invano. Lo Stato non aiuta i disabili, che sono così costretti a vivere nella povertà”. Ad aiutare Cimino e i suoi figli i genitori e i suoceri. “Per il resto, mi adeguo con qualche lavoretto saltuario e malpagato”. Il suo appello, ripete, non è per avere soldi, “ma trovare qualcuno di buon cuore che possa offrirmi un lavoro, che mi permetta di sostenere mia moglie e i miei figli”.

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • monica cappellini Reply

    23 dicembre 2015 at 2:32 pm

    Si certo Lascio una risposta: che tutte le persone benestanti diano una mano vera a questo caso

  • donatodue Reply

    23 dicembre 2015 at 9:55 pm

    e pensare che il sindaco grullino di livorno vuole dare 500 euro ai giovani immigrati nullafacenti ….

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it