“Folgore no limits”: i paracadutisti in campo con i diversamente abili

080515para (2)Questa mattina a Livorno la Folgore ha dato il via alla seconda edizione del “Folgore no limits”.
La manifestazione, dedicata allo sport “diversamente abile” e organizzata dalla Brigata paracadutisti dell’Esercito Italiano in collaborazione con il Comitato Italiano Paraolimpico, ha mostrato agli ospiti le potenzialità della pratica sportiva quale strumento utile ad un più rapido ed efficace reinserimento nella società, ed è stata anche l’opportunità per le circa 30 associazioni intervenute di far conoscere le iniziative create per migliorare la quotidianità dei disabili e delle loro famiglie.

Dopo la cerimonia dell’alzabandiera, a cui hanno partecipato circa 900 studenti delle scuole livornesi è stato consegnato il distintivo da paracadutista a Giacomo, ragazzo disabile di Livorno, che nei giorni scorsi si è lanciato con il paracadute da un’altezza di 4.200 metri, vincolato ad un istruttore del Centro Addestramento Paracadutisti dell’Esercito Italiano.

Tutti i presenti hanno avuto la possibilità di osservare e provare concretamente il vasto panorama delle pratiche parasportive, attraverso le oltre 30 postazioni realizzate dalle diverse associazioni presenti, dal basket in carrozzina al sitting volley all’ippoterapia. All’interno dell’area addestrativa messa a disposizione dalla Brigata “Folgore”, sono stati allestiti, inoltre, degli information point e degli stand espositivi delle aziende leader nel settore della disabilità.

Sport e disabilità, due temi fortemente legati tra loro, che si intrecciano in un insieme di valori. La costanza, il sacrificio, la volontà, lo spirito di gruppo, ma soprattutto la stessa possibilità offerta a chiunque, di mettersi alla prova e superare le difficoltà.

Fonte: Stato Maggiore Esercito

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it