Forteto: le cooperative disertano la commissione d’inchiesta

fortetoChiamati in audizione in Commissione d’inchiesta sul Forteto, che ha aperto i propri lavori da oltre tre mesi, i vertici di Legacoop e Confcooperative stanno negando la loro partecipazione.

La Regione sospenda ogni rapporto politico ed economico con soggetti affiliati a queste due centrali di cooperative fino a che non relazioneranno sul loro atteggiamento passato e presente sulla comunità degli abusi, sgomberando il campo dai pesanti equivoci che permangono tutt’oggi. Sulla questione ha presentato un ordine del giorno collegato al Documento di economia e finanza regionale 2016.

Ancora oggi molti dei 16 condannati vivono e lavorano al Forteto, quattro membri su cinque del Cda hanno testimoniato in favore di Rodolfo Fiesoli e i suoi al recente processo.
E’ un fatto gravissimo che Legacoop – che sceglie i vertici della coop e che negli anni avrebbe dovuto controllare anche sulle condizioni di lavoro emerse dalla prima commissione regionale d’inchiesta, oltre che dalla recente sentenza – continui a fare muro. Insieme a Confcooperative ha a più riprese espresso posizioni contrarie al commissariamento della struttura, sia dopo la sentenza che dopo le relazioni degli ispettori del Ministero, sostenendo ancora oggi l’insostenibile della distinzione fra cooperativa e comunità, tesi smentita dalle motivazioni dei giudici: il Forteto è una vera e propria setta, se non sarà commissariata resterà tale.
Non vorremmo che il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti, presidente nazionale di Legacoop dal 2002 al 2014, giocasse un ruolo importante da questo punto di vista, influenzando gravemente l’atteggiamento del governo e dell’intero Partito democratico.
Se davvero la Regione Toscana sta dalla parte delle vittime si faccia sentire e pretenda chiarezza, imponendo la chiusura dei rubinetti politici e soprattutto economici con tutto il mondo delle cooperative.
Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • MONICA cappellini Reply

    21 dicembre 2015 at 8:23 pm

    REGIONE TOSCANA???? prima T illude con atti di pseudo correttezza
    Poi T abbandona; lo SAPPIA CHI SI DEVE TUTELARE

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it