“I crocifissi urtano i bambini non cattolici”: scuola vieta la mostra d’arte

crocifissoAnnullare la propria identità pur di rispettare la cultura altrui. Il nostro paese purtroppo sta prendendo questa deriva. L’ennesimo caso è accaduto a Firenze e ce lo racconta La Nazione. Protagonista, stavolta, una un istituto scolastico per bambini.

È successo a Firenze, alla scuola elementare Matteotti, importante presidio alle porte del centro. Il consiglio interclasse del 9 novembre scorso ha deciso di annullare, per tutte le terze elementari della scuola, la già programmata visita alla mostra «Bellezza Divina» in corso a Palazzo Strozzi. Motivazione usata per cancellare dalla vista le opere di Van Gogh, Chagall, Fontana, ma anche Picasso, Matisse e Munch: «Per venire incontro alla sensibilità delle famiglie non cattoliche visto il tema religioso della mostra».

Due righe, nero su bianco, prese dal verbale della riunione redatto da un rappresentante di classe e distribuito a tutti i genitori. Parole che hanno letteralmente scioccato la stragrande maggioranza di padri e madri. «Ma come – si sono chiesti nell’immediato tam tam che si è scatenato dopo la comunicazione – vuol dire che d’ora in poi i nostri figli non potranno più studiare storia dell’arte, in gran parte basata proprio sull’arte sacra». E ancora: «È pazzesco! – scrive un altro genitore – Noi stiamo a Firenze! Vedremo quindi negate ai nostri bambini le gite in Santa Croce, in Duomo, le visite agli Uffizi perché ci sono figure sacre? Annulliamo le lezioni di storia dell’arte (quella italiana è tutta basata sul cristianesimo) perché si rischia di offendere qualche piccola anima? Questi ragazzi cresceranno senza poter studiare Dante Alighieri e la Divina Commedia? Queste sono le basi della nostra cultura, non è solo un problema religioso».

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

8 Comments

  • 174VAM Reply

    12 novembre 2015 at 3:54 pm

    Aristotele disse:
    “la tolleranza e l’apatia sono le ultime virtù di una società morente”

    • monica cappellini Reply

      12 novembre 2015 at 4:45 pm

      gli organizzatori?
      le persone di MInistero e Regione? questi ultimi in toscana x cortesia NO COMMENT

  • monica cappellini Reply

    12 novembre 2015 at 4:46 pm

    e a me urtano le donne velate : burka , foulard, e compagnia
    RESTINO MURATE IN Casa; ma per casa intendo casa loro.

    qui minigonne ; vietati i perizomi ; culi al vento e basta

  • alberto Reply

    12 novembre 2015 at 7:53 pm

    Solo un minus habens rinuncia alla propria civiltà, alle proprie tradizioni ed alla propria cultura per non “offendere” un ospite: se al cosiddetto “ospite” non garba chi lo ospita, spesso a proprie spese, può sempre andarsene altrove senza rompere le scatole.

  • Paolo Reply

    12 novembre 2015 at 9:28 pm

    Ma no dai, che problema c’è? Al posto della Divina Commedia, faremo studiare agli scolari le poesie del sedicente benigni, come quella (davvero indescrivibile) contro Almirante; sempre da parte del medesimo benigni possiamo persino disporre di una interessantissima interpretazione dei Dieci Comandamenti, a questo punto fargli reinterpretare le Sacre Scritture al completo non dovrebbe essere un problema.
    Così, lo studente “modello XXI Secolo”, completamente indottrinato, e perfettamente asservito ai poteri forti sarà servito; che cosa volete di più???

    SVEGLIATEVI…

  • riudecols Reply

    14 novembre 2015 at 10:05 am

    Penso che ci sia gente che ragiona col c…o,, non lasciamoci coivolgere!!

  • riudecols Reply

    14 novembre 2015 at 11:45 am

    Reagiamo non mandando piu’ i nostri figli, nipoti a scuola sino a quando non saranno rispettate le ns.tradizioni, lasciamo il campo libero a chi vuole portarci allo sfascio e poi mandiamoli tutti in esilio nei paesi piu’ consoni alle loro idee del c…o!!!!

  • Carlo Della Rossa Reply

    15 novembre 2015 at 7:13 pm

    Carlo Della Rossa A chi tocca il CROCEFISSO;DOVREBBERO CADERE LE MANI,lasciate le immagini Sacre al loro posto,come i CRISTI,se non vi sta’ bene tornate da dove siete venuti a casa mia è così se non ti va’ bene VIAAAAAAAAAA.NON SIAMO VENUTI NOI A CERCARVI;MA VI SIETE AUTOINTEGRATI SENZA CHIEDERE PERMESSO,PERCIO’ SIETE DEGLI ABUSIVI E COME TALI DOVRESTE ESSERE PUNITI E RISPEDITI AI VOSTRI PAESI.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it