I giudici legalizzano le adozioni gay. A che serve il Parlamento?

coppia-gay_AFFIDAMENTO

Entrare nel merito di un argomento delicato come le adozioni alle coppie gay, non è quello che interessa a chi scrive questo articolo. Non lo è per il semplice fatto che ognuno, accompagnato da torti e ragioni, ha la propria legittima opinione che, in uno Stato democratico, dovrebbe sempre essere rispettata (anche se questo non accade mai). Ma ciò che è successo ieri al Tribunale per i minorenni di Roma non può e non deve passare inosservato.

Un giudice ha accolto la richiesta di una donna di poter adottare la figlia della convivente, nata qualche anno fa grazie alla fecondazione assistita. La coppia, convivente da dieci anni, sposata in Spagna e iscritta anche nel registro delle unioni civili del Comune di Roma, ora potrà coronare il proprio sogno: aggiungere cognome di entrambe le mamme alla bambina. E’ la seconda volta che questo accade. Già 15 mesi una sentenza simile, sempre del Tribunale di Roma, aveva fatta da “apripista” alla legalizzazioni di quella che di fatto è una “stepchild adoption”.

Tutto regolare, se non fosse che questo tipo di adozioni nel nostro ordinamento non sono previste e che la “stepchild adoption” è attualmente contenuta in un disegno di legge all’esame del Parlamento italiano e che sta suscitando polemiche e spaccature all’interno della maggioranza di governo. E’ per questo che viene naturale chiedersi a cosa serva il Parlamento italiano se ci sono giudici che scavalcano la legge o la interpretano secondo la propria visione ideologica. Nessuno contesta il merito di consentire a una coppia gay l’adozione dei figli da parte di uno dei due partner (almeno in questa sede, perché sarebbe del tutto inutile), ma dovrebbe essere una legge votata dal Parlamento a decretarlo, una legge discussa democraticamente dai rappresentanti del popolo italiano. Altrimenti tanto vale chiudere baracche e burattini e trasformarci in una magistratocrazia, dove le leggi si fanno nei tribunali a discrezione dei singoli. Almeno risparmieremmo i costi della politica.

Commenta con il tuo account social

4 Comments

  • gbravin Reply

    23 ottobre 2015 at 11:21 am

    Ennesima prova che i giudici spesso fanno quello che conviene al momento, ma se lo trovano scomodo, si nascondono dietro la dichiarazione: “Noi applichiamo le Leggi del Parlamento!”

  • Pietro torri

    Pietro torri Reply

    23 ottobre 2015 at 11:55 am

    Dovremmo essere in regime di “civil law” e non di “common law” ma i giudici italiani, spesso, sembrano non ricordarlo

  • marco Reply

    23 ottobre 2015 at 6:51 pm

    quello che mi sorprende leggendo l’articolo e’ questa frase

    “Nessuno contesta il merito di consentire a una coppia gay l’adozione dei figli da parte di uno dei due partner, ma dovrebbe essere una legge votata dal Parlamento a decretarlo, una legge discussa democraticamente dai rappresentanti del popolo italiano”.

    Cio’ significa che una parte della destra sta abbracciando le malsane idee della dittatura delle lobby progressiste. Una frase del genere potevo aspettarmela su repubblica, ma non qui.

    intendiamoci ognuno e’ libero di pensarla come vuole, ma se la destra continua a eliminare i propri valori per una piccola manciata di voti in piu, non sara’ il parlamento ad essere inutile, ma il votante stesso.

    • Eugenio Cipolla

      Eugenio Cipolla Reply

      23 ottobre 2015 at 7:42 pm

      Ciao Marco, magari mi sono espresso male. Con quel passaggio intendevo dire che non ho la presunzione di decidere se sia giusto o meno che una coppia gay adotti dei bambini. Non la ho, primo perché non sono il padre eterno, secondo perché non ho le competenze tecnico-scientifiche per stabilirlo, terzo perché anche se lo dicessi sarebbe inutile, poiché nel quotidiano queste pratiche, seppur non previste dalla legge, avvengono ugualmente. Quindi credo che entrare nel merito sia inutile…

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it