I grillini lo volevano presidente del Senato. Ora se ne va con Renzi

luis-alberto-orellana_600x450

Luis Alberto Orellana non è un nome qualunque nel panorama della politica a 5 Stelle. Quando il movimento fondato da Beppe Grillo arrivò in Parlamento, lanciò una battaglia serrata per portare alla presidenza di Camera e Senato propri esponenti, considerati gli unici in grado di assolvere a un compito così difficile perché probi e onesti. Dopo alcune settimane tra candidature e consultazioni, uscirono fuori i nomi di Roberto Fico e Luis Alberto Orellana. Entrambi chiaramente non riuscirono ad essere eletti, ma mentre Fico si candidò ci riprovò, candidandosi alla Vigilanza Rai, della quale è tutt’ora presidente, il secondo rimase nell’ombra, finendo nel cesto delle meteore grilline.

Nel febbraio 2014, però, con un post sul sito di Beppe Grillo, Orellana fu espulso dal Movimento perché “sfiduciato sul territorio”. Da allora in poi il senatore è rimasto parcheggiato nel gruppo Misto di Palazzo Madama, fino a quando ieri è stata ufficializzata la sua adesione al gruppo delle Autonomie, presieduto da Karl Zeller, che sostiene il governo guidato da Matteo Renzi. Lì vi troverà anche suo ex compagno di Movimento, il friulano Lorenzo Battista, e molte personalità di spicco, come l’ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, Elena Cattaneo e Carlo Rubbia. Il governo del Pd, dunque, guadagna un altro preziosissimo voto in prospettiva 2018.

Redazione

Redazione1908 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

3 Comments

  • Bob Reply

    23 ottobre 2015 at 6:29 am

    Battista non è friulano ma triestino

  • giuseppe Reply

    23 ottobre 2015 at 9:32 pm

    Roberto Fico e Luis Alberto Orellana, Fico ex di Rifondazione Comunista e Orellama approdato al PD: e ancora non capite che i grillini al 90% sono sinistra? Sinistra Mondialista Giustizialista.
    Grillini al soldo della Casaleggio Sasson Connection srl, e chi tira i fili? Amici di Soros.

  • giuseppe Reply

    23 ottobre 2015 at 9:34 pm

    SINISTRA MONDIALISTA GIUSTIZIALISTA TERZOMONDISTA FILOISLAMICA PACIFISTA= grillini:
    Roberto Fico e Luis Alberto Orellana, Fico ex di Rifondazione Comunista e Orellama approdato al PD: e ancora non capite che i grillini al 90% sono sinistra? Sinistra Mondialista Giustizialista.
    Grillini al soldo della Casaleggio Sassoon Connection srl, e chi tira i fili? Amici di Soros.
    Ora Luis Alberto Orellana va nel PD, il partito naturale dei grillini.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it