Il canone in bolletta? Ce l’hanno solo in Albania, Serbia e Romania

 

CANONE_RAI

Ce l’hanno presentato come una rivoluzione epocale: il canone Rai dal prossimo anno, secondo quanto previsto dalla bozza della legge di stabilità, verrà addebitato direttamente all’interno della bolletta energetica. Si tratterà di sei rate da 16,66 centesimi che tutti saranno tenuti a pagare. Pena una sanzione amministrativa da 500 euro, l’avvio di una indagine penale e la segnalazione all’Agenzia delle Entrate, che sarà incaricata di effettuare ulteriori accertamenti e riscuotere gli importi dovuti.

A parte i metodi da Stasi e la sanzione pari al 500% dell’importo dovuto (nemmeno dagli strozzini), è curioso notare come questa operazione targata Matteo Renzi equiparerà l’Italia ad altri “grandi” paesi europei. La Francia? La Germania? L’Inghilterra? No, l’Albania, la Serbia, la Romania, la Turchia e la Grecia. E’ in questi cinque paesi che il canone si paga attraverso la bolletta della luce. Cosa che ha fatto storcere il naso a molti parlamentari che in queste ore hanno ricevuto un documento esplicativo messo a punto dai dirigenti Rai, dove nella pagine delle note vengono riportati gli esempi di questi paesi.

La cifra che sarà possibile recuperare secondo i calcoli di viale Mazzini si aggira tra i 70 e i 90 milioni di euro, mentre il governo stima un recupero che porterebbe nelle casse della Rai circa 500 milioni in più, portando il gettito totale del canone a 2,2 miliardi l’anno. Almeno ci saranno più soldi per sprechi e stipendi faraonici.

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

4 Comments

  • gbravin Reply

    20 ottobre 2015 at 5:51 pm

    Inoltre, l’onere della prova, sarà del Cittadino! Dal 2001 non ho tv, ho avvisato la RAI regionale con raccomandata a.r., visto che non avevo ricevuto riscontro dalla cartolina gialla, usata all’epoca, per informarli della mia rottamazione (non chiedevo la suggellazione). Ogni tanto mi scrive l’Agenzia Entrate, Sportello SAT, ma se trovo una voce imputabile all’abbonamento tv, agirò in altre sedi. Uso il pc soltanto per visionare Youtube, dato che ho una connessione lenta per altri usi….

    • giuseppe Reply

      20 ottobre 2015 at 9:28 pm

      concordo, la Rai con Litizzetto, Benigni e Fazio va privatizzata, lasciando solo una rete pubblica, con pubblicità o canone, ma se col canone solo euro 20 l’anno! E se no copiare come fanno le pay tv.

  • sciamano1941 Reply

    21 ottobre 2015 at 7:46 am

    Non è vero i canoni si pagano in quasi tutti i paesi europei via bolletta o con altri sistemi Francia tramite la tassazione sulla casa ed è molto più alta che da noi Poi se ne facciamo una questione di servizio io privatizzerei ma diamo le informazioni giuste

    • gbravin Reply

      21 ottobre 2015 at 1:32 pm

      Giustissimo. Però le TV estere forniscono una informazione VERA e a 360°, non come la RAI che è lotticcata dai politici di turno ed usano il paraocchi….

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it