Il comune di Trieste spende 4mln per l’accoglienza ai rifugiati e ne incassa altrettanti con le multe ai cittadini

Trieste3-1024x704Il Comune di Trieste, guidato dal Partito Democratico, ha indicato nel bilancio 2015 che verranno spesi quasi 4 milioni di euro per l’ accoglienza dei richiedenti asilo in città.
L’importo stanziato a bilancio 2015 è precisamente euro 3.990.320 € ed è finalizzato (si legge nel bilancio) “ ad ampliare la convenzione per la gestione dei servizi di accoglienza degli stranieri richiedenti asilo presenti sul territorio”.

Questa cifra a dir poco consistente è finalizzata ad incrementare i servizi di accoglienza in strutture, appartamenti e periferie. Probabilmente tale spesa non preoccupa più di tanto la Giunta di sisnistra del Sindaco Cosolini, visto che analogo importo viene indicato tra le voci di entrata come incasso delle sanzioni verbalizzate ai triestini nel 2015 : 4.180.000 € . Rimanendo nei termini dei paragoni risulta preoccupante inoltre che all’aumento di spesa per l’accoglienza corrisponde una taglio degli stanziamenti per lo sviluppo economico della città (- 500mila euro), per la cultura e beni culturali (- 1.462.000 euro) e per lo sport e ricreatori (-708.000 euro).

E’ evidente che il Comune di Trieste, al di là di alcuni proclami del Sindaco, si allinea perfettamente alle indicazioni del Governo Renzi che, anziché tentare di contenere questo fenomeno, prevede un ulteriore aumento delle quote d’ingresso di queste persone.

In un momento di grave crisi economica dei nostri concittadini sembra incredibile che venga aumentata in questo modo la spesa a questo titolo: stiamo passando al paradosso che ad essere discriminati sono propri gli italiani attraverso l’incremento di risorse che derivano dalle tasse di chi in Italia lavora e produce.


Alberto Polacco
Roberto Dubs
Michele Babuder

Consiglieri in IV,V,III Circoscrizione del Comune di Trieste

Redazione

Redazione1901 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • Ben Reply

    3 agosto 2015 at 5:16 pm

    i comunisti sono esseri immondi, infami…stanno facendo entrare in fretta milioni di clandestini e il, governo cattocomunista MASSONE si sta preprando per dare a questi esseri inutili e pericolosi la CITTADINANZA ITALIANA…votate PD, SEL, M5S…bravi…così avete segnato il destino di MORTE dei vostri e nostri figli!!! maledetti da DIO!!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it