Il comune Pd dove sequestrano le monetine ai mendicanti italiani

elemosina E-2-2-2C’è un comune in Italia guidato dal Pd dove l’amministrazione comunale ha deciso di sequestrare le monetine ai mendicanti italiani che provano a sopravvivere. E’ il comune di Brescia, il cui sindaco è Emilio Del Bono, ex parlamentare dem di lungo corso.

Scrive Brescia Today:

Se per la legge italiana chiedere l’elemosina non è più un reato, per il Comune di Brescia l’accattonaggio è considerato – secondo il parere di molti avvocati illegittimamente – una violazione amministrativa. Il regolamento di Polizia Urbana parla chiaro vietando qualsiasi forma di accattonaggio molesto, che causi intralcio o pericolo alla circolazione veicolare o pedonale e in ogni caso nei pressi dei luoghi destinati alla memoria dei defunti, agli ospedali, nei pressi dei pubblici edifici e nel centro storico. In forza all’articolo 7 comma l,  i vigili urbani continuano a sanzionare – multe da 130 euro l’una – ai mendicanti. 

Qualche mese fa vi abbiamo raccontato la storia di Luigi, sanzionato perché chiedeva le monetine nel piazzale dell’ospedale Civile, e di come il 54enne bresciano avrebbe potuto fare ricorso al Tar di Brescia dimostrando l’illegittimità della norma contro la mendicità silenziosa e inoffensiva.

Ma il caso di Luigi non è affatto isolato. Ad Antonio, 64enne disoccupato di Palazzolo sull’Oglio, è andata anche peggio, perché oltre alla multa si è visto confiscare tutte le monetine che aveva racimolato  – in totale 49 euro – chiedendo aiuto ai passanti di Via San Faustino.

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • Giovanni Bravin Reply

    23 dicembre 2015 at 11:47 am

    Se a Brescia si vuole applicare la legge, ben venga, ma si deve applicare a 360°!!!
    Nel bresciano vige la tradizione di mangiare lo spiedo con polenta, in ristoranti e case private. Lo spiedo è composto da uccellini catturati con reti, roccoli etc. Le reti e roccoli sono collocati un po’ ovunque sulle pendici bresciane. Ovviamente i ristoratori devono acquistare questa selvaggina, in nero, perché ne è vietata la vendita. Basterebbe fare ogni tanto visite a sorpresa nei ristoranti….. Questi controlli renderebbero molto di più che pochi spiccioli! Ma come al solito: “Deboli coi forti, e forti coi deboli!”

  • Paolo Reply

    24 dicembre 2015 at 1:23 am

    Oh ma quando c’è il PD di mezzo non si legge mai una notizia (che sia una!!!) per cui non ci si debba indignare!!! 🙁

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it