Il fallimento del governo: per ricollocare tutti i profughi ci vorranno 40 anni

Immigrazione: Fregata Euro soccorre due barconi con 956 profughi

Un successo epocale, senza precedenti, che nessuno aveva mai raggiunto. Nemmeno il suo ex mentore Silvio Berlusconi. Quando la scorsa settimana Angelino Alfano ha “inaugurato” il programma di ricollocamento europeo a Ciampino, ha lanciato lodi sperticate all’azione del governo di cui fa parte. Eppure le cose sembrano stare diversamente da come le racconta lui.

Nei primi trenta giorni dall’inizio del programma, c’è stato un ritmo molto blando di ricollocamenti, in media tre al giorno. A partire, infatti, sono stati solo novanta. Calcolare quanto ci vorrà per terminare questo grande progetto europeo è presto detto. Tre al giorno per trecentosessantacinque è uguale a millenovantacinque. Ci vorranno dunque quaranta anni prima che queste persone vengano spedite legalmente in altri paesi.

Nel frattempo, almeno finché le varie guerre e crisi politiche continueranno, si presume ne arrivino altri. Che, come tutti gli umani, si sposeranno, faranno figli, si moltiplicheranno com’è naturale che sia. Senza contare tutti coloro che arrivano qui illegalmente, fanno domanda d’asilo e, non avendone i requisiti, sono costretti a lasciare il paese.

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • Carlo Lauletta Reply

    29 ottobre 2015 at 6:00 pm

    Ci raccontano fandonie e ci tacciono i fatti veri. Continuano a dire che questa gente sarà distribuita, ma non
    precisano se ci si riferisce agli aventi diritto all’asilo (un numero limitato, almeno se la selezione è fatta da
    persone oneste e assennate) o a tutti i richiedenti (numero enorme, che praticamente può coincidere con
    quello degli arrivati). Pessima, poi, tra tutte le fonti di informazione, è la Caritas. Ho letto or ora su Televideo
    che un certo ente, che ho sùbito verificato essere emanazione appunto della Caritas, afferma che i migranti
    sono più virtuosi degli italiani e ci fanno arricchire. Arricchire? Ma come, se la stessa l’Europa prevede 3 miliardi
    di euro il costo del loro mantenimento per un anno?!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it