Il governo britannico: “Il Cristianesimo resti nelle scuole”

59_1xgMentre in Italia c’è chi vuole togliere il crocifisso o vietare il Natale nelle scuole, in Gran Bretagna il governo di David Cameron fa sapere che il Cristianesimo non sarà toccato dai programmi scolastici: ne ha parlato Elisabetta Del Soldato su Avvenire.

di Elisabetta Del Soldato

L’ateismo «non dovrà occupare lo stesso spazio riservato all’insegnamento del cristianesimo nel curriculum scolastico». È questo il principio centrale delle nuove linee guida, emesse in questi giorni dal ministero della Pubblica Istruzione britannico.

Le scuole, ha rimarcato ieri il ministro dell’Istruzione Nicky Morgan, hanno l’obbligo di continuare a insegnare agli studenti che il Regno Unito è un Paese cristiano e l’ateismo non merita «uguale attenzione da parte dei docenti in termini di tempo speso e di risorse ed energie utilizzate». Un messaggio «molto chiaro», secondo la lettura che gli esperti della Bbc danno del pronunciamento: chiunque pensi che i giovani debbano essere istruiti con principi basati sull’ateismo dovrà d’ora in poi sottostare alle volontà dell’esecutivo.

«Le tradizioni del Regno Unito – ha infatti detto la ministro Morgan – sono principalmente cristiane ed è giusto che a queste sia data la priorità». Secondo le linee guida anche gli istituti non religiosi e quelli che sono frequentati da studenti di altre fedi, «dovranno tuttavia far riflettere gli studenti sul fatto che le tradizioni religiose in Gran Bretagna sono cristiane».

Detto questo, ha sottolineato la responsabile dell’Istruzione, le singole scuole – che in Gran Bretagna possono comunque contare su una forte autnomia – potranno scegliere i loro programmi di studio con i docenti e le famiglie degli studenti. Nel mirino di Nicky Morgan c’è anche la lotta contro il radicalismo islamico, un fenomeno sempre più frequente nelle scuole britanniche. D’ora in poi i professori avranno l’obbligo di inserire “filtri” nei computer a disposizione degli studenti e monitorare l’uso che questi fanno di Internet per «proteggerli dal rischio di essere radicalizzati».

Le riforme giungono dopo una lunga serie di casi di studenti e studentesse minorenni che hanno lasciato il Paese per recarsi in Siria e Iraq al fianco del Daesh. Lo scorso febbraio fece scapore la vicenda di due quindicenni, Shamina Begum e Amira Abase e una sedicenna Kadiza Sultana, della scuola secondaria londinese Bethnal Green Academy: scapparono di casa per raggiungere la Siria dalla Turchia. Nonostante i forti sospetti avanzati dall’intelligece di sua maestà – che ha tracciato sul Web il modo in cui le ragazze sono venute in contratto con i reclutatori del Daesh attraverso i computer scolastici – il preside ha però sempre negato che ciò potesse essere avvenuto.

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • Carlo Lauletta Reply

    31 dicembre 2015 at 7:33 pm

    Dunque, secondo la giornalista di Avvenire, il governo britannico ha affermato che nelle scuole l’ateismo “non dovrà occupare
    lo stesso spazio riservato all’insegnamento del cristianesimo”, dato che (qui riassumo con parole mie) il Regno Unito ha tradizioni
    cristiane, la maggioranza della popolazione è cristiana e (io completo) le persone irreligiose costituiscono una minoranza,
    quantunque cospicua (il 31%. Fonte :Calendario Atlante De Agostini. In Italia la percentuale credo si aggiri sul 20%). Il principio
    sembra essere questo: ogni ideologia abbia spazio proporzionato alla percentuale di seguaci. Questo principio è discutibile, ma
    la sua applicazione in Italia a me ateista andrebbe benissimo. Vediamo! Io auspico l’insegnamento della Religione come
    materia uguale alle altre, obbligatoria per tutti, quindi con studio per tutti in primo luogo del Vecchio Testamento e del Nuovo
    Testamento e poi del Corano. Logicamente, anche l’insegnante di Religione sarebbe uguale agli altri, e come quello di matematica o di geografia potrebbe essere cristiano al 75/80 % di probabilità (in Italia) e irreligioso al 20%. Ripeto, per me sarebbe più che sufficiente. Quanto ai musulmani, che da Qelsi (non da Avvenire) sono visti con giusta preoccupazione, credo che per loro
    (ai quali il cristianissimo governo britannico concede praticamente interi quartieri) la frequentazione delle scuole organizzate come sopra descritto diventerebbe problematica o impossibile e sarebbero costretti a lasciare il paese. Il fatto è, lo dico agli amici
    di Qelsi, che finché si parte dall’idea di “Stato cristiano” l’islam non può essere (oggi) contrastato seriamente, perché questa gente
    invoca il rispetto che i cristiani affermano essere dovuto a ogni religione; invece, da una “postazione” non voglio dire atea
    ma laica, i maomettani (per i quali io non ho molti riguardi, dato il trattamento che loro riserverebbero a me), sarebbero messi in una
    situazione insostenibile. Esempio: nelle mense scolastiche il lunedì prosciutto, il martedì braciola di maiale, il venerdì zampone;
    quelli obietterebbero “ma la nostra religione…” e gli si risponderebbe “Sentite, questi piatti sono economici, gustosi e nutrienti. Le vostre fisime (a parte il fatto che il Corano prevede deroghe in caso di necessità) non sono sostenute da argomenti razionali
    e perciò non le consideriamo. O mangiate queste bistecche o ripassate quelle frontiere”.

  • Corrado Massa Reply

    31 dicembre 2015 at 9:12 pm

    Non è questione di tradizioni, ma di verità: l’esistenza di Dio si può dimostrare razionalmente e quindi l’ateismo è falso.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it