Il governo salva Equitalia e proroga la sua attività

Come da antica tradizione patria, insieme al panettone e all’alberello con le luci a fine dicembre arriva anche il decreto Milleproroghe. Che, come ogni anno, è in un certo senso l’album delle occasioni mancate e delle riforme non concluse: un lungo elenco di rinvii e rimpalli all’anno successivo.

Così ieri pomeriggio l’ultimo Consiglio dei ministri prima della pausa natalizia è stato dedicato al varo del consueto decreto Milleproroghe. Circa cinquanta i capitoli toccati dal testo.Tra le misure in primo piano il settimo rinvio per la riforma della riscossione, che era stata prevista dal decreto Sviluppo del 2011 e che è stata continuamente rimandata da allora. Equitalia, che avrebbe dovuto finire di riscuotere i tributi locali dal 1° gennaio del 2012, dovrebbe continuare a farlo per altri sei mesi, fino al 30 giugno 2016. Sempre che la riforma venga ripresa in mano, dopo che anche l’articolo 10 della delega fiscale è rimasto lettera morta.

Non ancora risolto il nodo della cosiddetta «tassa sui licenziamenti» prevista dalla Legge Fornero per le imprese in caso di cambio appalto, con un rischio stangata per le piccole aziende.Sul fronte dei rifiuti, arriva la proroga di un anno, al 31 dicembre 2016, del contratto Sistri tra ministero dell’Ambiente e Selex Se-Ma per garantire la prosecuzione del servizio di controllo per la tracciabilità.

Per quanto riguarda le misure per il contenimento della spesa pubblica, resta anche per tutto il 2016 il tetto fissato nel 2010 a compensi, gettoni e indennità corrisposte nella pubblica amministrazione. Rimandato di un altro anno il termine per il ministero dei Trasporti per emanare le nuove regole «tese a impedire pratiche di esercizio abusivo del servizio di taxi e del servizio di noleggio con conducente». Nuova proroga anche per l’attività dei consulenti finanziari.

[Fonte: Il Giornale]

Redazione

Redazione1905 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • monica cappellini Reply

    24 dicembre 2015 at 2:06 pm

    SI VERGOGNINO MA NN SONO CAPACI XKE’ PIU’ CHE PUZZOLENTI DI EQUITALIA………E LA CASSA AVVOCATI?????? ASSOLTA ??
    SONO DAVVERO UN LET@M@IO

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it