Il sindaco che caccia i musulmani “Ci rispettino o vadano fuori”

pontoglio-e-i-valori-occidentalila-replica-da-cividate-buffonata_009d8936-a4f3-11e5-bc40-3306c7710e39_998_397_big_story_detail«Sei in un paese di cultura cristiana, se non ti sta bene puoi anche andartene»: alle porte di Pontoglio, bella cittadina lombarda, il sindaco ha voluto mettere in chiaro con un grande cartello lo spirito di chi abita la località. Sicuramente, la notizia, farà talmente clamore che qualcuno presenterà un’interrogazione parlamentare al riguardo; altrettanto sicuramente verranno versati fiumi di parole nei talk shows televisivi al motto del «dagli all’untore». L’untore in questione è, appunto, il sindaco di Pontoglio Alessandro Seghezzi, cittadina di 7mila abitanti a metà strada tra il capoluogo Brescia, e Bergamo. Già due settimane fa la Giunta comunale, condotta da Seghezzi, ha regalato un presepe a tutte le scuole presenti nel comune contrastando la moda un po’ vigliacca di togliere i simboli della nostra cultura ovunque, moda tutta italica per non indispettire i gentili ospiti del suolo nazionale.

[Fonte: Il Tempo]

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

3 Comments

  • Giovanni Bravin Reply

    18 dicembre 2015 at 11:52 am

    Gentili ospiti = eufemismo, perché diamo loro vitto, alloggio e fondo spese perché rimangano.
    Se vengono da un paese in guerra oppure sono scappati dalle loro leggi, o sono rifugiati economici, si vedrà.

  • Paolo Reply

    18 dicembre 2015 at 4:57 pm

    Ovviamente, bisogna solo iniziare il conto alla rovescia per la partenza della solita “crociata” buonista contro l’ untore…

  • Frank Reply

    19 dicembre 2015 at 7:32 pm

    Sono curioso di vedere quali elucubrati e tortuosi ragionamenti metteranno in campo i “politically corrects” per stigmatizzare l’iniziativa di questo sindaco a cui – per inciso – va tutta la mia approvazione. Quale delle due frasi sarà incriminata? Quella che dice: “Siamo in un paese di cultura cristiana”? Non è forse vero? Oppure ci siamo trasformati in induisti, islamisti o quel che altro vi pare, senza che ce ne siamo accorti?
    E cosa c’è di sbagliato nel dire “Se non vi piace potete anche andarvene?”. Non è forse offrire a tutti una totale libertà di scelta?
    Non diciamo mica, come fanno i deliranti fondamentalisti: “se non vi piace vi tagliamo la gola”! Anzi, loro neppure lo dicono. Tagliano la gola e basta! Viva il sindaco di Pontoglio!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it