Immigrazione: l’Europa regala due miliardi ai paesi africani

immigrazioneL’Europa ha deciso di stanziare 1,8 miliardi di euro per cercare di convincere i paesi africani a collaborare in materia di immigrazione, riprendendosi i clandestini che arrivano sul territorio Ue. A scriverlo è Il Messaggero:

Mentre l’ennesimo naufragio tra la Turchia e la Grecia provoca altri 14 morti,i leader dell’Unione europea si sono riuniti con i paesi dell’Africa per cercare di convincerli a collaborare per limitare i flussi di migranti. L’Europa «deve aiutare l’Africa» ma «gli africani ci devono aiutare a fermarci flussi», ha detto il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker.«Non si posso costruire muri nel mare-ha spiegato l’Alto rappresentante dell’Ue, Federica Mogherini – il solo modo di gestire questo fenomeno è farlo insieme». La cancelliera tedesca. Merkel ha parlato di un «piano d’azione» per combattere le attività illegali come i trafficanti, e allo stesso tempo «potenziare gli aiuti allo sviluppo dell’Africa». L’idea è di offrire risorse finanziarle ai paesi africani, in cambio di accordi di rimpatrio peri migranti illegali e cooperazione nell’identificazione di chi arriva in Europa. La Commissione ha istituito un “Trust Fund per l’Africa” da 1,8 miliardi.

Redazione

Redazione1905 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • Frank Reply

    13 novembre 2015 at 12:24 pm

    “Offrire risorse finanziarie ai paesi africani”. Quanto questi leaders europei cerebrolesi capiranno che i quattrini erogati all’Africa, da governo a governo, finiranno sempre e soltanto nelle capaci e inesauribili tasche dei satrapi che la governano? E la storia non è poi molto diversa per le organizzazioni non governative.
    Nel paese Africano in cui vivo, ci sono più di 2000 istituzioni volte ad assistere i “poveri africani”. Sono tutte abilissime a raccogliere fondi, ma la loro reale attività si spinge ben poco oltre. Se solo raccogliessero ogni anno 500.000 euro ciascuna (ma per molte di loro si parla di milioni) tutte insieme si troverebbero a gestire un patrimonio di un miliardo di euro che in preponderante misura servirebbero solo a sostenere la loro stessa esistenza. Aiutare l’Africa si può farlo solo restaurando la legalità, annientando la corruzione e liberandola dai farabutti che la dissanguano per poter vivere come cresi.

  • Stefano Carboni - Forlì Reply

    14 novembre 2015 at 8:26 am

    C’è poco da fare, basta guardare i trend demografici: l’Africa, che nel 2005 aveva complessivamente 900 milioni di abitanti circa, arriverà nel 2025 a 1.350 milioni, circa 450 milioni di persone in più in circa 20 anni.
    Chiudere gli occhi e non pensare a questo fenomeno, non cercare di generare nuovi posti di lavoro, crescita e sviluppo direttamente in Africa e ritenere che bastino maggiori controlli alle frontiere o le espulsioni perché ci si occupa solo del tema “immigrazione” e non si capisce che questo fenomeno è solo uno degli effetti di questa crescita demografica comporta è miope e inefficace.
    Ben vengano gli investimenti (e non solo di qualche miliardo di euro) in Africa: d’altra parte pensate a quanto può produrre 1€ investito in Europa e quanto invece lo stesso euro investito là !!!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it