In arrivo due miliardi in più di tasse sulla casa

Imposte Imu e Tasi, rincari e previsioni: ecco cosa pagheranno gli italiani

“Siamo convinti che il presidente del Consiglio non ne sia neppure informato, ma se ai Comuni venisse concesso di aumentare dello 0,8 per mille il limite massimo delle aliquote di Imu e Tasi – fissato in via ordinaria al 10,6 per mille – la proprieta’ immobiliare pagherebbe maggiori imposte per circa 2 miliardi di euro. Su questo tema va fatta chiarezza”. Lo dichiara il presidente della Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa. “Anzitutto, non puo’ continuare ad ignorarsi – continua Spaziani Testa – che la possibilita’ di elevare dal 10,6 all’11,4 per mille il limite massimo Imu-Tasi era stata concessa per il 2014 e per il 2015 – per legge – in cambio di corrispondenti detrazioni fiscali sulla prima casa. Se, quindi, qualche Comune – in violazione della legge – avesse utilizzato questa possibilita’ per garantirsi maggior gettito, si tratterebbe di fatto grave e da non avallare, anche per il futuro, con un intervento legislativo”.

Il presidente della Confedilizia rileva poi che “in secondo luogo, la concessione a tutti i Comuni di questa maggiorazione rispetto all’ordinario limite Imu-Tasi avrebbe effetti di gettito ben superiori a quelli che sono stati diffusi dalla stampa. Al proposito, Confedilizia stima – sulla base di dati del Ministero dell’economia e delle finanze – che tali effetti possano essere valutati in circa 2 miliardi di euro. Il presidente del Consiglio ha presentato l’eliminazione della tassazione sulla prima casa come un intervento finalizzato a restituire fiducia agli italiani e, cosi’, a stimolare i consumi. Noi gli abbiamo dato volentieri e convintamente atto di questa coraggiosa inversione di tendenza rispetto al passato. Se, pero’, l’eliminazione della tassazione sulla prima casa, da un lato non sara’ piu’ per tutti – per via dell’esclusione delle abitazioni impropriamente definite di lusso – e, dall’altro, fosse accompagnata anche da un aumento delle imposte sugli altri immobili (tra cui persino le case affittate, che necessiterebbero piuttosto di una urgente detassazione), la situazione cambierebbe, e di molto”.

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • Michele De Simone Reply

    23 ottobre 2015 at 1:17 am

    Io credo che bisogna uscire dalla moneta unica prima di tutto e poi abolire il signoraggio di stampa e forse l’economia si riprende.

  • emi Reply

    25 ottobre 2015 at 1:24 pm

    maledetti!!!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it