In Brunei gli islamici vietano il Natale:”Cinque anni di carcere a chi festeggia”

sultan-hassanal_special-occasions--w=1500Tutti a difendere le tradizioni, tranne noi. Ormai il sentimento buonista ha pervaso il paese, inducendo molti a rinunciare persino a ciò che siamo, ai nostri valori, alle nostre festività. Lo abbiamo visto in queste settimane con presidi che hanno annullato il Natale per non “offendere” chi professava un’altra religione. Siamo uno Stato laico, per carità, ma il Natale di Cristo è una festa di pace e di amore, una festa che unisce, non che divide. In Brunei, però, non la pensano così. Il sultano, infatti, ha vietato il Natale minacciando con la galera chiunque si appresti a festeggiarlo.

Scrive La Stampa:

Il piccolo Brunei, la cui unica fortuna è di galleggiare su un mare di petrolio sull’isola del Borneo, è governato dal sultano Hassanal Bolkian. Quest’ultimo, una volta uno degli uomini più ricchi del mondo, scivolato in graduatoria ma sempre tra gli «happey few», adora farsi vedere a Londra e apprezza molti lussi occidentali. Ma a casa è un difensore dell’interpretazione più intransigente dell’Islam tanto da aver introdotto la Sharia (la severa legge coranica) nel 2014 e quest’anno ha deciso che chiunque festeggerà il Natale nel suo micro-Stato sarà condannato a 5 anni di carcere.

Per festeggiare, spiega il britannico Daily Telegraph, si intende l’ostentazione pubblica del Natale, come «indossare simboli religiosi come croci, accendere candele, addobbare alberi di natale e cantare inni religiosi o mandare auguri di Natale, montare decorazioni» in sintesi, tutto ciò che rappresenta il Natale. I non musulmani nel Brunei possono santificare il Natale ma solo all’interno della loro comunità e solo dopo aver notificato alle autorità le loro intenzioni.

Circa il 65% dei 420.000 abitanti del Brunei sono musulmani e il ministro degli Affari Religiosi ha spiegato che il divieto di celebrare pubblicamente il Natale serve a preservare «il credo (aqidah) della comunità musulmana». Un palese ammissione di come il Natale – in sé più ricorrenza occidentale festeggiata anche da molti agnostici, che cristiana – possa fare breccia tra i musulmani la cui fede non deve essere molto salda nel Brunei, se anche gli imam si sono detti preoccupati del Natale.

 

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

4 Comments

  • monica capellini Reply

    22 dicembre 2015 at 3:27 pm

    ma hai visto la faccia?…………………

  • giuseppe Reply

    23 dicembre 2015 at 12:51 am

    Mentre in Italia stendiamo ponti d’oro agli islamici, gli Stati islamici, ad uno ad uno, vietano il Natale. Hanno seguito fedelmente i precetti del Corano (nel Brunei vige la Sharia) e di Maometto.
    I mondialisti come Bergoglio e Boldrini non dicono nulla? Non era la Boldrini che sosteneva che dovremo imaprare dalle altre culture? Bene, impariamo e vietiamo le manifestazioni degli islamici, non sono conformi alle nostre tradizioni.
    Se dobbiamo imparare dalle altre culture, impariamo tutto, non solo i canti africani ed islamici come vorrebbe la Boldrini.

  • Frank Reply

    25 dicembre 2015 at 7:30 am

    Ecco una lampante performance del cosiddetto “Islam Moderato”! Io ci manderei Renzi e la Boldrini a fare scuola….

  • riudecols Reply

    26 dicembre 2015 at 10:38 pm

    Con quella faccia puo’ dire tutte le stronzate che vuole,ma finira’ il petrolio ed allora……..

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it