INPS: Andrea Bernaudo alle costole di Tito Boeri

11165942_10200710353838030_639309257_nSOS Partita Iva non molla l’osso ed a firma del suo Presidente, Andrea Bernaudo, rincara la dose inviando a mezzo raccomandata a Tito Boeri, Presidente dell’INPS, copia dell’articolo, pubblicato su queste colonne la settimana scorsa, sulla situazione e sul disagio dei lavoratori autonomi in merito al trattamento previdenziale dell’Istituto che presiede nei loro confronti.
Volentieri riceviamo ed ospitiamo, rendendoci disponibili per eventuali repliche.

Ill.mo Presidente Tito Boeri,
Le inviamo questa lettera perché siamo molto preoccupati sul nostro presente e sul nostro futuro.
Nell’articolo che alleghiamo, firmato dalla nostra vicepresidente Francesca Nardini, già pubblicato sulla rivista online www.qelsi.it e divenuto virale sul web, con centinaia di condivisioni e decine di migliaia di letture, Le abbiamo rivolto pubblicamente alcune domande. Poniamo dei problemi fondati che riguardano l’INPS ed il trattamento riservato ai lavoratori autonomi.
Vista la qualità della Sua persona, ci sorprende non aver ricevuto ancora puntuali risposte.
Per questi motivi Le recapitiamo l’articolo direttamente presso la sede dell’Istituto che presiede.
Rimaniamo in attesa delle Sue risposte che siamo certi non mancheranno, come gli F24 che regolarmente paghiamo all’INPS.
Sarà nostro dovere chiedere alla medesima rivista che ci ha pubblicato l’articolo di pubblicare anche le Sue risposte e sarà nostra cura darne sul web la più ampia diffusione, all’insegna della trasparenza, da Lei più volte giustamente evocata tra INPS e contribuenti, lo faremo così come daremo diffusione di questa nostra raccomandata che sta leggendo.
 
Cordialità,
 
Andrea Bernaudo                  
(Presidente SOS partita IVA)  

11186221_10200710354838055_1584343833_n

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • giuseppe Reply

    29 aprile 2015 at 8:10 pm

    Le partite IVA sono le vittime sacrificali dei governi Monti-Letta-Renzi schiacciati a sinistra, statlisti, anti-impresa quella vera, che non gode di appoggi pubblici e di favori ricambiati dalla politica.
    Pagare l’INPS per non avere o avere una pensione minima, é inconcepibile, lo é sempre stato, ma ora con la crisi, con i continui fallimenti si é toccato il fondo, mentre il governo spende miliardi dico miliardi di Euro per mantenere clandestini figli di genitori irresponsabili che ne hanno fatti anche 20-30 o 38, come il papà della Kyenge, e noi dobbiamo mantenerli? che si in Africa e Medio-Oriente le politiche della Cina, e si accolgano solo i profughi, momentaneamente, li si aiutino nei loro Stati (é 40 anni che lo dicono ma non lo fanno) e le risorse risparmiate il governo lo destini agli italiani che ne hanno bisogno. E basta con il ricongiungimento familiare, e le pensioni facili agli stranieri. Il governo pensa a tutti tranne agli italiani.

    • giuseppe Reply

      29 aprile 2015 at 8:12 pm

      intendevo statalisti, non statlisti

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it