La beffa di Oslo

Graphics_of_Lysaker_StationFra pochissimo, il 15 ed il 16 settembre  p.v. si terranno a Lysaker (Oslo) sotto l’egida della Ricerca norvegese, i workshop riuniti dell’EqUIP. Sembrerebbe ippica, ed invece è la Piattaforma euroindiana per le scienze socioumanistiche, un progetto da 1,5 milioni che l’Europa finanzia dal 2010 sotto il coordinamento inglese, i network di ricerca scandinavi ed i report finali dell’austriaca ZSI.
50 agenzie governative o semi tali (come la nostra Apre)  assieme a sponsor e multinazionalisi interrogheranno  sullo scambio di esperienze comuni tra i due versanti del supercontinente Eurasiatico. Ospiti di tutto rispetto, tre centri di ricerca indiani storicofilosofici  (ICHR, ICPR e UGC) e con loro una pletora di ong, onlus e no profit indù.
Ci saranno momenti alti di brainstorming politico, ispirati da metodologie quali i Giochi di Carte, il Disney Method ed il World Cafè Method. Dal Gioco a somma zero della Beautiful Mind al subbuteo dei Riotta, Capuzzo e Severgnini, dramma a quanto pare non solo nazionale.

L’evento è serio perchè discuterà del salto di qualità della piattaforma SSH tra Bruxelles-Nuova Dehli. Le solite migliori pratiche, minori barriere e maggiore cooperazione che paga solo una parte del tavolo.
Difficile che si parli di Marò; Luttwack direbbe che non si tratta di un convegno militar industriale. Difficile che vi rientri Salgari per il quale i buoni erano indonesiani ed i cattivi, gli indù. Nemmeno si ricorderà l’entusiasmo per l’Asse di Gandhi. Anche perché i pacifici e pacifisti indiani, poi sono sempre stati al seguito degli anglosassoni in tutte le guerre di ieri e di domani.
Nemmeno l’influenza dell’italiana Sonia, sconfitta leader del partito del Congresso, apparirà.
Il nostro contributo sarà canticchiare un Sorrenti d’annata (“Vorrei incontrarti ai cancelli di una fabbrica o lungo le strade che portano in India”) e preveggente , dato che ai cancelli della suicidata Ilva, ci troveremo il logo del colosso dell’acciaio indiano Tata.

L’impostazione nordica, come è noto, divide i suoi amori su due direttrici, accomunate dai fasti omopedofili, la Capri di Krupp, Nureiev e Riefenstahl e l’India dell’antica svastica di Hesse del Siddharta (a sua volta rimbalzata tra etruschi, greci e Paestum). Noi stessi siamo degli indiani mancati.
Gli studi sociali sull’India hanno però fallito nell’educolrato quadretto protetto dalla reputazione della Queen per il buon sikh. Non è stato raccontato l’indù senza visage humaine, barbarico e guerrafondaio, scosso da pogrom etnoreligiosi, incassato tra le fortune basate su riciclaggio e contrabbando e le caste degli intoccabili.
Il 15 è l’occasione di un messaggio blitz, un Cave Marem, per partecipanti, agenzie, diplomatici, studiosi e sponsor Equip sul posto (rigorosamente in norvegese) e virtuale. Dopotutto noi paghiamo sempre un terzo, anche se non ci siamo o stiamo relegati in fondo alla sala. Altrimenti sarà la beffa di Oslo.

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • Monica Cappellini Reply

    15 settembre 2015 at 7:58 am

    gia’ ancora una volta sara’ esattamente cosi’

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it