La Boldrini e l’invito all’Imam che giustifica la violenza sulle donne

BoldriniRicordate Donna Prassede, quel personaggio straordinariamente bigotto e arcigno ben descritto dal Manzoni nei “Promessi Sposi”? Bene, ora pensate alla terza carica dello Stato, l’austera Laura Boldrini e noterete spaventose somiglianze. La nervosa maestrina, gravata dal peso di educarci, sventola la bacchetta in ogni occasione pubblica.

Paladina di un ritrovato ma non richiesto femminismo, si batte come una furia per sostituire l’offensiva vocale “o” che, secondo la sua sensibilità, priva noi donne di dignità. Così il sindaco di Parigi Anne Hidalgo, diventa la “sindaca” (puntata “DiMartedí” 17/11) come fosse essenziale quella “a” per dare credibilità alla signora in questi giorni duramente impegnata. La Presidenta è sempre paladina dei più deboli, preferibilmente di nazionalità extracomunitaria, cadendo poi dal pero quando i deboli sono suoi connazionali.

Quando con tono apodittico afferma “mai più morti in mare”, ha ragione. Peccato che poi, con lo stesso tono, si rivolga ai “pericolosi populisti”, tali perché dissentono dalle sue affermazioni quantomeno criticabili: “Nel 2012, dei circa 70mila rifugiati accolti in Paesi terzi tramite il programma di reinsediamento dell’Agenzia ONU per i Rifugiati, solo 4.400 sono giunti nell’Unione Europea; è chiaro che dobbiamo fare di più“ (Vilnius conferenza dei presidenti delle Assemblee parlamentari). Quel “di più” è chiaramente in contrasto con il sentimento comune dei suoi connazionali.

Integrazione ed Europa sono le parole magiche di Laura Boldrini, quelle che le hanno fatto scrivere senza pudore che “dobbiamo cedere sovranità senza indugio all’Europa, altrimenti prevarrà il populismo”. Tutto questo in barba alla nostra Costituzione (la cessione di sovranità, costituzionalmente vietata ex art. 1 e 11 Cost., comporta la cancellazione della personalità giuridica dello Stato e costituisce un atto ostile contro di esso perseguibile ex art. 243).

Di perle questa austera signora ne ha regalate tante, alcune passate ingiustamente nel silenzio eppure molto gravi. Non dimentichiamo l’invito alla Camera dell’ imam Ahmed al-Tayyeb per una lectio magistralis sull’Islam (poi cancellata). Per chi non conoscesse il personaggio, ricordiamo che è un teologo sunnita distintosi per dichiarazioni antisemite gravi.

Fa specie inoltre sapere che la paladina dei diritti delle donne ritenga opportuno far esprimere un uomo che la pensa così: «Per quanto riguarda le percosse alla moglie c’è un programma di riforma. Secondo il Corano prima si ammonisce, poi si dorme in letti separati, infine si colpisce, con un pugno, uno spintone». Insomma, abbiamo una terza carica dello Stato garante di diritti quando le pare opportuno, secondo le sue idee e con molte contraddizioni. Guai a farglielo notare. Non accetta bacchettate. Noi, delle sue, faremmo volentieri a meno.

@PgGrilli

 

Commenta con il tuo account social

5 Comments

  • Giovanni Bravin Reply

    23 novembre 2015 at 10:37 am

    Come dimenticare che proprio la Boldrini fece sostituire tutta la carta intestata della Camera, perché riportava “Il Presidente della Camera?” Senza dubbio, secondo il suo pensiero, di genere maschile? Questo cambiamento ci costò molto in denari pubblici, denaro per tipografi, ore di lavoro etc. Ma IMPLICITAMENTE la Boldrini etichettava come asine in lingua italiana La Jotti e Pivetti!

    • Paolo Reply

      25 novembre 2015 at 1:28 am

      Mi scusi, Sig. Giovanni; ma a mio avviso, una bella etichetta (anzi un bel pezzo di robusto nastro adesivo “americano”, quello telato che si usa per le riparazioni urgenti e che non si stacca più) bisognerebbe proprio appiccicarlo alla bocca di questa “gentile” signora, in modo da impedirle (almeno per un po’) di ammannirci qualcuno dei suoi improponibili, inimitabili deliri.

      • Giovanni Bravin Reply

        25 novembre 2015 at 10:01 am

        Buongiorno sig. Paolo, trovo utilissimo il nastro adesivo che Lei cita. Purtroppo è più facile avvicinare il Papa, che non certi politici che usano molte auto blu e decine di guardie del corpo. L’esposizione mediatica la cercano altrove e con altri mezzi, e senza contraddittorio, allontanandosi sempre più dalla realtà quotidiana della gente nonché ELETTORI….

        • Paolo Reply

          25 novembre 2015 at 12:36 pm

          Lo so, ha ragione.

  • riudecols Reply

    5 dicembre 2015 at 12:07 pm

    Io penso che questa signora (minuscolo,non merita il maiuscolo)sia giunta a quella carica per intercessione dello spirito santo,perche ‘ non si puo’ ammettere tanta presopopea ed ignoranza in una sola persona.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it