La giunta leghista si taglia lo stipendio e lo dona ai disabili

20150311_c4_disabLa giunta leghista di Padova guidata dall’ex parlamentare Massimo Bitonci si taglierà lo stipendio e lo donerà alle famiglie con disabili.

Scrive Il Gazzettino:

«Abbiamo deciso di destinare il risparmio di140mila euro, derivante dal taglio delle indennità di sindaco e assessori, in favore delle famiglie padovane con disabili»: lo ha detto Massimo Bitonci, sindaco di Padova, annunciando che domani sarà approvata in giunta «unadelibera che consentirà lo stanziamento di bonus di 500 o 300 euro a famiglia, a seconda dei valori Isee espressi da ciascun nucleo».

«Il Natale è la festa di tutti. Invito i padovani – ha concluso – a trascorrerla con i propri cari, senza dimenticare chi soffre e chi è rimasto indietro. Il senso di comunità di costruisce a partire da gesti di gratuità e pace».
Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • giancarlo lorusso Reply

    30 dicembre 2015 at 6:26 am

    e una buona iniziativa e merita un plauso. – altro argomento che vedo trattate poco – tema giustizia, gli orrori dei giudici e della loro cricca, non che la paura dei p.m. che non fanno indagini. questo e un tema caro agli italiani in quanto, sovente genera morti suicidi. vedi il caso d’angelo in cjvitavecchia- non e solo, il caso puo ripetersi con molto piu clamore
    1 sempre in civitavecchia, vi e’ il caso dei mulini che coinvolge; giudici pubblici ministeri, forze dell’ordine, avvocati e altri. il procedimento 940/14 di detta procura spiega i legami mafiosi che gestiscono il potere nei tribunali assoggettandoli al loro volere. i mulini e un centro commerciale al centro storico della cita’, preso di mira dalla mafia in quanto non ha aderito alle ricchieste che non garbano.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it