La Lega avanza, ma in Piemonte il Mup non si presenta alle elezioni universitarie

immagine3Tutti presenti, alle elezioni universitarie piemontesi, gli schieramenti dall’estrema destra fin ai collettivi di sinistra.
Ma la medaglia al valore va ai candidati del MUP, “attori non protagonisti” delle ultime consultazioni elettorali negli atenei piemontesi.
Spesso si dice ai candidati, per consolarli dopo una sconfitta, che l’importante non è vincere ma partecipare per fare esperienza. Ma in questo caso ai ragazzi non è stata data nemmeno la possibilità di cimentarsi.
Una strana situazione, resa ancor più grave dalle tardive giustificazioni del coordinamento, secondo cui vi sarebbero state delle incomprensioni organizzative aggravate dalla mancanza di candidati.
Questi i motivi alla base della mancata presentazione della lista MUP (Movimento Universitario Padano) alle elezioni tenutesi negli atenei piemontesi di circa un mese fa.

Tesi un po’ troppo vacillanti per un movimento ben strutturato come quello dei Giovani Padani. Composto da Coordinatori Provinciali, nazionali e federali ripartiti nei vari settori di appartenenza MSP (Movimento Studentesco Padano) e MUP (Movimento Universitario Padano). Per non parlare della mancanza del tutto infondata dei candidati, dato il numero in continuo aumento delle giovani leve leghiste.

Questa assenza si farà sentire, visto che dal 2009 lo schieramento si era sempre presentato, lasciando l’amaro in bocca ai tanti scalpitanti “Giovani Padani” presenti nelle schiere del MUP.
Non si può che rimanere sconcertati di fronte a una débâcle di queste proporzioni, soprattutto se si pensa ai risultati propagandistici che il Movimento Lega Nord sta avendo nello scenario politico italiano.

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it