La Liguria dice no alla teoria del gender nelle scuole

modulo_gender_scuola_genitori_consenso

Il Consiglio regionale della Liguria ha detto no alla ‘teoria gender’ nelle scuole con 16 voti favorevoli della maggioranza di centrodestra e 14 contrari. La decisione in contrapposizione alle indicazioni del ministero dell’ istruzione. Due le mozioni approvate. Una, che aveva come primo firmatario il capogruppo di Fratelli d’Italia Matteo Rosso, impegna la giunta affinche’ ”nelle scuole di ogni livello e grado nella Regione non venga introdotta la ‘teoria del gender’ e venga rispettato il ruolo della famiglia nell’ educazione all’affettivita’ e alla sessualita’.

”In questo modo – si legge nella mozione – gli studenti impareranno anche che la madre e il padre, nella famiglia apportano la loro insostituibile ricchezza specifica”. Nel documento si chiede, inoltre, che nelle scuole ”si educhi al rispetto del corpo altrui e al rispetto dei tempi della propria maturazione sessuale ed affettiva accompagnandola anche con corsi di educazione all’affettivita’ e alla sessualita’ concordati con i genitori”. Dai contenuti molto simili anche la seconda mozione che aveva come primo firmatario il capogruppo di FI Angelo Vaccarezza. Contrari tutti i consiglieri di opposizione (Pd, M5S e Lista Pastorino).

[Fonte: ilnord.it]

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

4 Comments

  • marco Reply

    29 ottobre 2015 at 6:16 pm

    Pd, M5S e Lista Pastorino: TUTTI sini****. Dichiarati o mascherati.

  • Carlo Lauletta Reply

    29 ottobre 2015 at 6:19 pm

    Discordo sul punto che l’educazione sessuale andrebbe affidata, totalmente o parzialmente, ai genitori (cattolici, atei,
    musulmani, ecc.). Si tratta di materia molto delicata, per la quale occorre preparazione specifica tanto quanto ne occorre
    per la matematica. Anzi, qui c’è il problema non solo di “che cosa” si deve dire, ma di “come” dirlo.

    • Paolo Reply

      29 ottobre 2015 at 7:55 pm

      E proprio per lo stesso motivo, non può e non deve essere assolutamente lasciata in gestione a deliranti sostenitori di una delirante teoria come quella “gender”.

  • riudecols Reply

    31 ottobre 2015 at 4:15 pm

    Bene! Ottimo lavoro.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it