La passerella di Chaouki interrotta dalla contestazione del Comitato Appio Tuscolano | Il video

Immagine 4Khalid Chaouki ha visitato l’ex cartiera di via Assisi a Roma, in zona Appio Tuscolano. Uno stabile che da anni è occupato abusivamente da persone di varia nazionalità. Tutto è cominciato nel 2008, quando l’ex Ente Nazionale Cellulosa e Carta, poi diventato Museo della Carta e infine passato al ministero delle Finanze, è stato definitivamente abbandonato al suo destino.
Il primo sgombero è avvenuto nel 2009, dopo 18 mesi di occupazione da parte dell’associazione bengalese Dhuumcatu e del comitato Area Ingovernabile. Un primo sgombero cui ne sono seguiti altri, in tutti questi anni.
Nel mezzo, qualche rave party, persino un incendio, vari episodi di microcriminalità nella zona. Alcuni particolarmente gravi.

Lo sa bene il Comitato di quartiere Appio Tuscolano, costretto a denunciare spesso la situazione di degrado cui versa lo stabile, con tutte le implicazioni sul decoro e la sicurezza del quartiere. Recentemente, le denunce del consigliere di zona di Flavia Cerquoni (Fdi) e l’interessamento della trasmissione “Quinta Colonna”, su Rete4, hanno sensibilizzato l’opinione pubblica ma anche rischiato di trasformare il quartiere Appio Tuscolano in una vetrina per politici in cerca di visibilità.

Il primo è stato Khalid Chaouki, che si è recato proprio in visita dello stabile. Ma l’accoglienza non è stata delle migliori: una donna del Comitato di quartiere ha interrotto la sua passerella, chiedendogli conto della sua visita e suggerendogli di parlare prima con loro, i cittadini del Comitato, che tutti i giorni hanno a che fare con i problemi del quartiere. E lavorano per risolverli.
La donna, particolarmente battagliera, ha lasciato quasi senza parole il parlamentare del Pd, costretto a promettere un incontro con il Comitato per capire come risolvere il problema.

Ecco il video:

Riccardo Ghezzi

Riccardo Ghezzi1205 Posts

Giornalista pubblicista, scrive di sport e politica su testate locali piemontesi. Appassionato di politica da sempre, ha un unico pregio: non essere mai stato di sinistra in vita sua

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • gbravin Reply

    27 marzo 2015 at 5:06 pm

    Chaouki, parlamentare, visitò subito Ponte Galeria, CPA di Roma, dove alcuni marocchini si erano cuciti le labbra per protesta. Successive indagini, dimostrarono che costoro erano al loro secondo tentativo di ingresso in Italia. Al primo, furono trovati a spacciare, processati per direttissima ed espulsi. Peccato che Chaouki non risponda alle mie email! TUTTI i deputati rappresentano tutti gli Italiani ed elettori….

  • Ursula Reply

    1 aprile 2015 at 6:58 am

    Ma perché quando sono gli imbecilli e i violenti dei centri sociali a contestare i politici tutti i giornali e Tg ne parlano senza neanche condannarli? Quando invece un razzista del PD, come Chaouki viene praticamente messo a tacere in modo educato ma con una determinazione unica ed esemplare (W la Signora del video….donne così dovrebbero fare politica!!) tutti tacciono….giornalisti corrotti e sguatteri del padrone……vergognatevi!!!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it