“Le sono caduti dei soldi” occhio alla nuova truffa

Occhio alla truffa. Di recente sono state diverse le denunce presentate alla Polizia di Stato, presso la Questura di Viterbo, per una particolare truffa compiuta ai danni dei cittadini.
Le modalità sono sempre le stesse: i truffatori seguono visivamente le vittime, quasi sempre donne, che parcheggiano l’auto in luoghi riservati alle soste brevi e si allontanano dalla vettura. A questo punto vengono depositate delle monete a terra sotto lo sportello del conducente.I truffatori attendono l’arrivo della proprietaria della macchina che, come spesso avviene, appoggia la borsetta sul sedile del passeggero e sale a bordo. Uno dei truffatori si avvicina, quindi, all’auto e avverte la vittima che salendo le sono caduti dei soldi. Notate le monete la donna, il più delle volte, scende dall’auto per raccoglierle: il complice apre lo sportello del passeggero e, con destrezza, afferra la borsa e si dilegua velocemente.La Polizia di Stato raccomanda di prestare la massima attenzione a queste e ad altre analoghe truffe, avendo cura di allertare immediatamente le forze dell’ordine al minimo sospetto.

Marcovalerio Cervellini

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • Bische Rotto Reply

    26 aprile 2015 at 3:30 pm

    tanto non rischiano nulla, a parte qualcuno che gli spara

  • attilio raffaghello Reply

    28 aprile 2015 at 10:07 am

    oppure possono prendere qualche coltellata.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it