L’incommentabile doppia morale del Pd

moralistaCe lo hanno ripetuto per anni: il Pd è il partito della legalità, il Pd opera esclusivamente per il bene del Paese, il Pd non guarda in faccia nessuno di fronte ad episodi di scarsa moralità politica, nemmeno i propri rappresentanti. E’ evidente che si tratta di propaganda. Ci sono due episodi accaduti nelle ultime 72 ore che lo dimostrano ampiamente.
Ieri, ospite al programma radiofonico ‘Un giorno da Pecora’, il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, ha sbeffeggiato l’indagine per abuso d’ufficio che lo vede coinvolto assieme all’ex pm antimafia Antonio Ingroia. «L’indagine nei miei confronti è una cazzata col botto. Che io fossi indagato l’ho appreso dai giornali, come ha detto Ingroia». Non contento, Crocetta ha sollecitato le dimissioni di Maurizio Lupi, a suo dire incompatibile con la carica di ministro.

Considerazioni, quelle di Crocetta, che fanno un po’ ridere, visto il personaggio. Per anni si è riempito la bocca di antimafia, di giustizia e di legalità. Per anni il governatore della Sicilia ha fatto entra ed esci dalle Procure per denunciare presunti episodi di mafia e di malaffare, di corruttela e di abusi. Ora che la giustizia indaga su di lui, sono tutte cazzate. O è lui ad esser semplicemente doppiopesista?

Se leggendo Crocetta vi siete già alterati, nel sentire Gotor sulla vicenda che ha coinvolto Lupi, perderete sicuramente le staffe. Stamattina sul Corriere l’ex pupillo di Pierluigi Bersani ha sfornato una perla delle sue. «Il caso Lupi non ha un profilo giudiziario, era una questione di opportunità». E quando la giornalista gli ha chiesto dei quattro sottosegretari Pd attualmente indagati per vari reati (Barracciu, Del Basso De Caro, Bubbico e De Filippo), il senatore Pd ha risposto che in realtà loro «hanno responsabilità ben diverse da quelle di chi guida un dicastero che tratta appalti importantissimi». Per questo, secondo Gotor la valutazione sugli esponenti di governo indagati «deve essere politica. Dipende dal tipo di comportamento, va visto di volta in volta, ma l’asticella deve essere alta». Riassumendo, se sei del Pd ti possiamo salvare, altrimenti ti devi dimettere.

Qualcuno, a questo punto, potrà obiettare che i sottosegretari Pd non sono sospettati di aver favorito figli, mogli e familiari vari. Nonostante ciò, però, è difficile capire la logica secondo la quale Lupi si è dovuto dimettere, mentre Renzi e la Boschi no. Il primo ha vissuto per quasi tre anni in un appartamento vicino a Palazzo Vecchio, in via degli Alfani 8. Peccato che a pagare l’affitto fosse Marco Carrai, uomo vicino all’attuale premier, che in quegli anni ha ricevuto incarichi pubblici dallo stesso comune di cui Renzi era sindaco. E che dire del padre di Maria Elena Boschi? Mentre il governo riformava le banche popolari, Pier Luigi Boschi era vicepresidente della Banca Etruria. Una popolare, per l’appunto.

Nessuno in questi due casi ha avuto nulla da ridere. Non le opposizioni, che si sono limitate a urlare tanti belli slogan, senza presentare nemmeno una misera mozione di sfiducia; non la stampa, ormai sempre più appiattita su Matteo Renzi,; non la minoranza Pd, che della legalità ha sempre fatto il principale vessillo. E’ evidente che siamo di fronte a una doppia morale davvero schifosa, tipica di quei comunisti che in realtà non si sono mai estinti, ma hanno semplicemente cambiato nome.

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • Monica Cappellini Reply

    20 marzo 2015 at 1:01 pm

    doppia??? direi quadrupla

  • giuseppe Reply

    20 marzo 2015 at 3:43 pm

    concordo con l’articolo, il peccato originale del pci-pd si chiama Criminale Togliatti, moralista un tanto al Kg., tranne avere sulla coscienza miglia di morti, e una moglie e figlio abbandonati per una mantenuta che addirittura venne messa a fare la Pres.Camera, che schifo di donna. Morale dei comunisti: prendere le tangenti dal Pcus, compreso lo sporco e criminale Berlinguer.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it