L’Isis insanguina Parigi e l’oncologo Veronesi lo giustifica

veronesiC’è un’Italia che, davanti a eventi drammatici, non perde occasione di esercitarsi in castronerie. È l’Italia dei salotti, che tutto sa.

A Parigi, il sangue delle vittime ancora ribolliva, che l’oncologo Umberto Veronesi, già senatore del Pd, lui ex socialista, nonché ex ministro alla Sanità del governo Amato, in una nota affidata ad Adnkronos Salute, ci ha regalato una delle sue perle: “L’Isis va ascoltato, occorre fare uno sforzo pacificatore”. Sì, perché a sentire l’oncologo, quelli dell’Isis – per il luminare, solo iracheni – in fondo sono solo in cerca di una patria, una porzioncina di Iraq dove instaurare il loro Stato Islamico, che male c’è? Povere anime?

Sentite Veronesi: “Sono un gruppo di sunniti che si sentono emarginati in Iraq e hanno creato un movimento molto estremista, di fatto perché vogliono una patria e chiedono all’Iraq di cedere una piccola area, non più grande della Lombardia, per creare lo Stato Islamico”. Forse dimentica Veronesi che dell’Isis fanno parte non solo iracheni e che l’Isis non è una minoranza emarginata ma un accrocchio di sanguinari di varia provenienza che vogliono instaurare la forza del loro fantomatico califfato ovunque ci sia da piantare una bandiera nera e dove far trionfare la Shari’a.

Ecco, considerate queste poche, elementari cose, ci si lasci dire che davanti a massacri, come quello di Parigi, tutto serve con l’Isis tranne che il dialogo, come auspicato da coloro che in queste ore di sgomento fanno a gara a chi profuma più di santità. Sentite ancora Veronesi: “Occorre da parte nostra uno sforzo pacificatore, e siamo proprio noi come Occidente a doverlo fare. Sono contrario all’idea di fare guerra all’Is, perché violenza chiama violenza. Più loro tagliano teste, più noi bombardiamo: qualcuno deve fermare questa catena di azione e reazione e deve farlo con il dialogo e la tolleranza religiosa. L’Is va ascoltato”.

L’atteggiamento dell’oncologo ricorda molto quello di alcuni intellettuali di sinistra che dopo l’uccisione di pacifici cittadini, presi a colpi di machete per le strade di Milano da un africano, sentenziarono: “La colpa è nostra perché non l’abbiamo compreso”.

Fino a quando in Italia sarà questa la mentalità, tagliagole, folli col machete, imam che istigano al jihad, agiranno indisturbati, sapendo che c’è chi li sostiene.

Commenta con il tuo account social

3 Comments

  • Federico Reply

    17 novembre 2015 at 6:34 pm

    “L’ISIS va ascoltato”, dice Veronesi. Ma l’ISIS, da parte sua, avrà voglia di ascoltare? A me quelli dell’ISIS non sembrano molto ansiosi di dialogare, per cui preferirei che ci andasse lui a parlamentare, così se la testa torna indietro attaccata al collo vuol dire che aveva ragione.

    Detto questo, l’idea che si possa fermare l’aggressione dei barbari attraverso un dialogo sereno trova poche conferme nella storia. Sembrava che ci fosse riuscito il Papa Leone Magno fino a che gli studi di strategia militare su base laica hanno dimostrato che Attila rinunciò ad andare oltre perché la catena logistica dei rifornimenti si era spezzata e non perché sia stato intimidito dalle forze del bene.

    Con l’ISIS non si può trattare. E’ un’ideologia estremista, fanatica, e annientatrice. Il suo intento è quello di sottomettere e non quello di cercare spazi di rispetto e pacifica convivenza con il vicinato. In questo, il califfato islamico è molto simile al terzo Reich. Per nostra fortuna, Winston Churchill non la pensava come Veronesi.

  • Carlo Lauletta Reply

    17 novembre 2015 at 7:20 pm

    Questa volta dissento dal professor Veronesi. Però non lo metterei, solo per questo suo intervento sull’ISIS,
    al livello dei ciarlatani da talkshow televisivo: del resto, nei talkshow televisivi nessuno dichiara
    volontà di comprensione verso l’ISIS. Il professor Veronesi dice che questa organizzazione aspira a un proprio staterello. A me non risulta; ma non posso escludere che il professor Veronesi abbia elementi per fare questa affermazione. D’altronde,
    consideriamo che il professor Veronesi è ateo, come modestamente lo scrivente, e che tra ateismo e islam vi è antagonismo irriducibile; mentre la lista di quelli che ora tuonano contro l’ISIS include, oltre al coerente presidente Putin, i governanti occidentali che l’ISIS hanno creato e armato, come prima avevano fatto con i taliban e al-Qaeda!

  • 174VAM Reply

    17 novembre 2015 at 9:46 pm

    “dialogo e tolleranza religiosa”
    eh già, ci ha già provato padre Dall’Oglio
    e lo stanno ancora cercando
    perchè adesso non prova anche l’illustre luminare a dialogare con quegli “psicopazzi”?
    o prefrisce delegare?

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it