Lo credono morto e lui mette i manifesti: mi spiace deludervi

20150429_c1_manifestiLo credono morto, lui fa affiggere un manifesto funebre: «Mi spiace deludervi, ma sono ancora vivo». E’ successo a Sarnano (Macerata). A far affiggere un manifesto funebre che, però, annuncia il fatto di essere in vita e in ottima salute è stato ieri un sarnanese di 65 anni, Biagio Altieri, carabiniere in pensione del quale in paese si era diffusa la voce insistente di una sua prematura dipartita. Non sono bastate le voci. C’è stato chi, addirittura, è andato a casa di Altieri in zona Morelli per dare l’ultimo saluto alla salma. A quel punto il carabiniere in pensione ha pensato che l’unico modo, oltre a quello di passeggiare insistentemente per Sarnano per farsi vedere da quante più persone possibili, fosse quello di far affiggere un manifesto, in tutto e per tutto graficamente uguale a quelli funebri, dove annunciava di essere in vita.

«Biagio Altieri ringrazia per l’affetto dimostrato dagli amici che hanno avuto notizia della sua scomparsa in data 27 aprile 2015”, si legge in alto e poi, più in basso, Altieri ha scritto una sua frase che non lascia spazio a fraintendimenti: mi dispiace aver tradito le aspettative di chi mi vuole morto, sono vivo, felice e non son risorto. Così facendo, ha anche evitato che le persone che l’hanno incontrato per le strade di Sarnano potessero pensare di aver incontrato un fantasma, con buona pace delle chiacchiere di paese.

Fonte: Il Messaggero

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it