L’ultimo privilegio per i rom: meno burocrazia se vogliono costruirsi una casa

romIn Regione E-R il PD ha appena votato una modifica alla legge per rom e sinti (eh si, esiste una legge dedicata tutta a loro) con cui si agevola l’insediamento delle aree rom e sinti, sburocratizzando l’iter per insediare queste aree.

Così, mentre un imprenditore che vuole realizzare una nuova azienda deve affrontare centinaia e migliaia di bolli, carte, uffici; mentre un cittadino che vuole anche solo ristrutturare casa deve incaricare ingegneri, geometri e tecnici vari spendendo migliaia di euro; mentre un commerciante per abbellire una vetrina deve pagare soldi e tributi come la delirium tax; mentre tutti noi dobbiamo fronteggiare e pagare queste burocrazie, se sei un rom o un sinti puoi godere di agevolazioni e facilitazioni burocratiche che altrimenti non avresti.

Poi chiediamoci chi è discriminato…Ah, per finire in bellezza: hanno pure annunciato che porteranno i fondi per la realizzazione di nuove aree rom da 700.000 € inizialmente previsti, ad 1.000.000 €. Ricordiamocele queste cose, ragazzi. Ricordiamocele!

Galeazzo Bignami

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • Paolo Reply

    22 dicembre 2015 at 11:37 pm

    … senza parole… 🙁

  • riudecols Reply

    26 dicembre 2015 at 10:43 pm

    Non sarebbe meglio rispedire a quel paese….

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it