L’Unità si rimangia tutto: ora le privatizzazioni vanno bene

privatizzazoni

Un tweet con allegato un link ad un articolo dal titolo piuttosto eloquente. “Poste diventa più competitiva con la privatizzazione”. Tutto regolare, se non fosse che la testata che lo ha pubblicato si chiama L’Unità, fondata da tal Antonio Gramsci. All’interno dell’articolo si spiega per sommi capi cosa accadrà ad alcune grandi aziende di Stato, come per l’appunto Poste, Enav e Ferrovie dello Stato, destinato ad essere (s)vendute parzialmente per fare cassa.

Le privatizzazioni, che ora andranno avanti con Enav e Ferrovie dello Stato, fanno parte di un disegno complessivo del governo: se da un lato andranno a ridurre il debito pubblico come promesso anche all’Ue, dall’altro renderanno più forti, più efficienti e al tempo stesso più moderne le aziende coinvolte.

 

Andare sul mercato favorisce l’attrazione di capitali, rende l’azienda più internazionale e quindi più competitiva. Non si tratta dunque di scegliere quale modello economico seguire, se liberista piuttosto che statalista; l’obiettivo di Palazzo Chigi è semplicemente quello di rendere alcune aziende più produttive offrendo servizi migliori ai cittadini.

Sarà, ma se non ricordiamo male L’Unità è stata sempre in prima fila nel contestare le privatizzazioni “brutte e cattive” di Silvio Berlusconi, reo, a suo tempo, di voler vendere a privati senza scrupoli le eccellenze dello Stato italiano. Ora, a quanto pare, tutto è cambiato. Le privatizzazioni vanno bene. L’importante è dare ragione al governo, il sacro governo che non sbaglia mai. Un po’ come faceva la Pravda durante l’Unione Sovietica.

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • Frank Reply

    23 ottobre 2015 at 5:44 pm

    Ci si deve sorprendere?
    L’ipocrisia e l’ottusa fede partitica sono sempre stati i vessilli della sinistra che oggi si scopre pro-privatizzazioni, pro-papa francesco, pro-matrimoni gay, pro-islam, mentre un tempo quella Russia stalinista che loro idolatravano statalizzava tutto, anche i pulisci scarpe; aboliva le religioni, metteva gli omosessuali in galera e aborriva i musulmani.
    Altro che “intellettuali di sinistra”! Qui stiamo parlando di un esercito di pecoroni manovrati dal solito leader si turno che loro osannano belando, caricandosi, per contro, di un odio coriaceo e demente verso gli obbiettivi che i capi branco gli indicano di volta in volta. Davvero deprimente!

  • luciano tanto Reply

    24 ottobre 2015 at 2:22 am

    meno male. adesso mancate voi; destre e sinistre stataliste (con i suoi “grand commis” spreca e magna), rovina storica dell’italia,.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it