Malagiustizia italiana: nel 2015 boom di innocenti in galera

Di Redazione, il - # - 1 commento

giustizia-1024x735Nel 2015 ci sono stati almeno 25 casi eclatanti di innocenti finiti ingiustamente in carcere, e quel che è peggio è che nessun magistrato ha mai pagato per questi errori. Ma quello di mettere innocenti in galera e accorgersene solo dopo è un qualcosa che accade da sempre in Italia senza che nessuno sia mai riuscito a eliminare la piaga: negli ultimi 50 anni gli innocenti finiti in galera sono circa 4 milioni. Luca Rocca su Il Tempo ha riportato la disastrosa situazione della giustizia italiana.

di Luca Rocca

Milioni di persone incarcerate ingiustamente, migliaia le vittime di errori giudiziari, centinaia di milioni di euro per risarcire chi, da innocente, ha subìto i soprusi di una giustizia letteralmente allo sfascio. I numeri che descrivono il penoso stato del nostro sistema giudiziario non lasciano scampo e immortalano uno scenario disastroso a cui nessun governo è riuscito, finora, a porre rimedio. Il sito errorigiudiziari.com, curato da Valentino Maimone e Benedetto Lattanzi, ha messo in rete i 25 casi più eclatanti del 2015 di cittadini innocenti precipitati nella inestricabile ragnatela della malagiustizia italiana. Casi che contribuiscono a rendere il panorama del nostro impianto giudiziario, come certificano più fonti (Unione Camere Penali, Eurispes, Ristretti Orizzonti, ministero della Giustizia), più fosco di quanto si pensi.

Se dall’inizio degli anni ’90 gli italiani finiti ingiustamente dietro le sbarre sono stati circa 50mila, negli ultimi 50 anni nelle nostre carceri sono passati 4 milioni di innocenti. E se nell’arco di tempo che va dal 1992 al 2014 ben 23.226 cittadini hanno subìto lo stesso destino, per un ammontare complessivo delle riparazioni che raggiunge i 580 milioni 715mila 939 euro, i dati più recenti attestano che la situazione non accenna a migliorare. Come comunicato dal viceministro della Giustizia Enrico Costa, infatti, dal 1992, anno delle prime liquidazioni, al luglio del 2015 «è stata sfondata la soglia dei 600 milioni di euro» di pagamenti. Per la precisione: 601.607.542,51. Nello stesso arco di tempo, i cittadini indennizzati per ingiusta privazione della libertà sono stati 23.998. Nei primi sette mesi del 2015, inoltre, le riparazioni effettuate sono state 772, per un totale di 20 milioni 891mila 603 euro. Nei 12 mesi del 2014, invece, erano state accolte 995 domande di risarcimento, per una spesa di 35,2 milioni di euro. Numeri che avevano fatto registrare un incremento dei pagamenti del 41,3 per cento rispetto al 2013, anno in cui le domande accettate furono 757, per un totale di 24 milioni 949mila euro. In media lo Stato versa circa 30 milioni di euro all’anno per indennizzi. I numeri a livello distrettuale riferiti ai risarcimenti per ingiusta detenzione collocano al primo posto Catanzaro con 6 milioni 260mila euro andati a 146 persone. Seguono Napoli (143 domande liquidate pari a 4 milioni 249mila euro), Palermo (4 milioni 477mila euro per 66 casi), e Roma (90 procedimenti per 3 milioni 201mila euro).

Nel 2014 è stato registrato un boom di pagamenti anche per quanto riguarda gli errori giudiziari per ingiusta condanna. Dai 4.640 euro del 2013, che fanno riferimento a quattro casi, si è passati a 1 milione 658mila euro dell’anno appena trascorso, con 17 casi registrati. La liquidazione, infatti, è stata disposta per più di 1 milione di euro per un singolo procedimento verificatosi a Catania, e poi per altre 12 persone a Brescia, due a Perugia, una a Milano e l’ultima a Catanzaro. Dal 1992 al 2014 gli errori giudiziari sono costati allo Stato, dunque al contribuente italiano, 31 milioni 895mila 353 euro. Ma il ministero della Giustizia, aggiornando i dati, ha certificato che fino al luglio del 2015 il contribuente ha sborsato 32 milioni 611mila e 202 euro.

La legge sulla responsabilità civile dei magistrati è stata varata la prima volta nel 1988 e modificata, per manifesta inefficacia, solo nel febbraio di quest’anno. I dati ufficiali accertano che dal 1988 al 2014 i magistrati riconosciuti civilmente responsabili dei loro sbagli, con sentenza definitiva, sono stati solo quattro. Secondo l’Associazione nazionale vittime errori giudiziari, ogni anno vengono riconosciute dai tribunali 2.500 ingiuste detenzioni, ma solo un terzo vengono risarcite. Stefano Livadiotti, nel libro «Magistrati, l’ultracasta», scrive che le toghe «hanno solo 2,1 probabilità su 100 di incappare in una sanzione» e che «nell’arco di otto anni quelli che hanno perso la poltrona sono stati lo 0,065 per cento».

Riproduzione riservata - ©2015 Qelsi Quotidiano
  • monica cappellini

    Da VENTI anni sono in mano alla g-iustizia italiana; VUOLE SAPERE DA COSA DIPENDE, VISTO CHE QUALE VITTIMA , HO LE IDEE UN PO’ CHIARE?
    1- LOBBIES AVVVOCATI , PER REGIONE, PER SETTE(G.O.I.), PER PARENTAME CHE SPESSO SI RITROVANO IN PROCURA;

    2 INCOSISTENTE O NULLA PREPARAZIONE DEL 90% DEGLI STESSI;

    3 PEGGIO DI TUTTI PERITI DA LAUREE COMPRATE, INCAPACI STOLTI CHE DANNEGGIANO ANCOR PIU’;

    4 CHE NON VI SIA PREPARAZIONE SETTORIALE DEL GIUDICE GIUDICANTE; CHI FA DIVORZI NON PUO’ OCCUPARSI DI EDILIZIA O MORTI AMMAZZTI O DROGA. QUI E’ TUTTO UN CALDERONE DI GIUDICI CHE SCHIACCIATI DA FASCICOLI INSIGNIFICANTI ( S’AVREBBE A DAR UN TAGLIO A REATI IDIOTI CHE NON ESISTONO MA SONO COSTRUITI A TAVOLINO ) SENTENZIANO FOLLIE.

    VENTI ANNI IN CUI NON SO COME NON SONO IMPAZZITA.
    COMPLICI ANCHE CERTE UNIVERSITA’




Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti: