Malta ci scarica gli immigrati in cambio di un po’ di gas

Immigrazione: Fregata Euro soccorre due barconi con 956 profughiUn accordo segreto tra Italia e Malta sulla questione degli immigrati provenienti dalla Libia che avrebbe risolto definitivamente i problemi de La Valletta, da sempre alla prese con gli sbarchi di clandestini. Lo ha denunciato il quotidiano Libero, che in un articolo pubblicato oggi scrive.

Con un accordo segreto stretto con il governo italiano, Malta ha risolto il problema dei migranti. Da una media di 1.600-1.700 arrivi all’anno fra il 2002 e 12012, il flusso è sceso a 568 nel 2014 e nel 2015 si è ridotto a menu di un centinaio. Ma c’è il trucco, spiegarlo Katrine Camilleri, direttrice della sede di Malta del lesuit Refugee Service: «Vengono tutti portati in Italia. Quindi è chiaro che l’Italia è d’accordo». Il sospetto degli operatori umanitari è che dietro l’intesa informale che impegna l’Italia a farsi carico dei migranti in arrivo dal Nord Africa, in osa anche dal ministro dell’Inter-no dell’isola, Carmelo Abela, vi sia una contro-partita in campo energedco. Anche l’ambasciatore italiano a M alta, Giovanni de Vito, aveva confermato l’esistenza di un accordo tra Roma e La Valletta che impone una moratoria sulle attività esplorative nelle acque offshore a sudest della Sicilia, oggetto di rivendicazione da pane di entrambi i governi. Si tratta di «accordo tra gentiluomini», spiegò, che ha sospeso ogni attività su 18mila chilometri quadrati di mare finché un accordo formale di esplorazione congiunta non sia raggiunto.

Redazione

Redazione1911 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • gbravin Reply

    13 novembre 2015 at 9:50 am

    Il titolo usato contrasta col contenuto dell’articolo. Malta ci concede nuovi spazi per trivellare alla ricerca di gas, quindi non e’ sicuro il risultato. Mentre sono certi i clandestini inviati da Malta all’Italia!
    Vuoi vedere che anche Malta e’ in grado di fregarci?

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it