Mammografia: Salute Donna si schiera contro Grillo

Mammografia-3D-test-UsaL’associazione Salute Donna interviene in merito alle dichiarazione di Beppe Grillo sul tema della prevenzione in campo oncologico. Schierandosi nettamente contro quanto dichiarato dal leader del “Movimento 5 Stelle”.
“Ci dissociazione da quanto affermato da Beppe Grillo – afferma Anna Mancuso presidente dell’Associazione Salute Donna da vent’anni impegnata in campo oncologico nella prevenzione e assistenza alle donne colpite dal tumore al seno, operando all’interno dell’Istituto dei Tumori di Milano e con decine di sedi dislocate in tutta Italia – Non c’è alcuna base scientifica in quello che afferma il comico. Un personaggio pubblico deve prestare molta attenzione quando esterna certe affermazioni, soprattutto in campo sanitario e su un tema molto delicato quale è appunto quello della lotta ai tumori”.

Secondo i dati di Regione Lombardia relativi all’attività e al risultato dello screening per il tumore mammario il valore predittivo positivo, cioè il numero di tumori individuati rispetto agli approfondimenti eseguiti, è pari complessivamente al 7,6 per cento. Ciò significa che viene individuato un cancro ogni tredici donne avviate ad approfondimento.

L’Associazione Salute Donna per altro è stata tra la prime ad avviare vent’anni fa un progetto di screening mammografico nel territorio di Monza e Brianza, che ancora oggi viene portato avanti dall’Asl. < >.
L’associazione perciò difende il proprio operato.

“È da vent’anni che portiamo avanti progetti e campagne di prevenzione – conclude – Riuscendo a salvare migliaia di vite. Ci sentiamo profondamente offesi da quanto affermato Beppe Grillo, perché siamo certi che la mammografia è l’arma fondamentale per individuare il tumore al seno”.

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

11 Comments

  • Simonetta Reply

    14 maggio 2015 at 10:45 am

    Per fortuna esiste questo esame di routine; un anno fa mi ha evidenziato un tumore di 5mm. Sono stata operata, era un carcinoma infiltrante, c’erano già dei linfonodi interessati….ho fatto chemioterapia, radioterapia. Ora l’oncologo dice che ho almeno l’85% di probabilità di essere guarita completamente.
    Senza la mammografia di routine potrei essere oramai piena di metastasi e in fin di vita. Tutte le donne devono farla, è indispensabile; Grillo è meglio che taccia sugli argomenti che non conosce

    • giuseppe Reply

      14 maggio 2015 at 9:34 pm

      In bocca al lupo, per la completa guarigione, Grillo é la classica persona che pontifica senza sapere nulla, ignorante e danneggia le persone, come con hiv, come con il cancro in generale, e pensare che ancora qualcuno vota grillini perché sembra che faccia ridere.

    • Laura Effrikian Reply

      17 maggio 2015 at 11:06 am

      Anche mia mamma ha avuto un intervento al seno dopo un nodulo dx, comunque cara simonetta, come al solito i media hanno colto la scusante di travisare l’intervento di grillo, che nulla ha che vedere con la prevenzione…bensì congli accordi della farmaceutica della prevenzione con
      i business della politica ospedaliera (vedi veronesi) !

      • giuseppe Reply

        18 maggio 2015 at 2:45 pm

        Veronesi: Sia più chiara, ora prende di mira veronesi, altri i vaccini, siete i soliti complottisti x raccattare voti.

  • Anna Mancuso Reply

    14 maggio 2015 at 12:32 pm

    Ho fondato Salute Donna quando all’età di 32 anni mi sono ammalata di cancro per diffondere l’importanza della prevenzione , ho continuato a farlo anche quando mi é venuto un secondo tumore al seno dopo cinque anni dal primo .
    Oggi sono al 3 tumore ( fortunatamente ancora una volta salvata , e se sono qui a raccontarlo é grazie alla mammografia .

  • giuseppe Reply

    14 maggio 2015 at 9:38 pm

    ma a Grillo non é bastato ammazzare 3 persone, perché ha voluto percorrere una strada militare vietata? e non prestando soccorso, ma di fronte alla condanna penale, ha sborsato negli anni ’80 ben 900milioni di Lire, per non marcire in galera. A Grillo non é bastata la disormazione che fa su hiv e contro i ricercatori? ora anche contro le mammografie, che si vergogni, riguardano tutte le nostre mamme, sorelle, mogli, figlie, basta!!!!!! chiudetegli la bocca.

    • Laura Effrikian Reply

      17 maggio 2015 at 11:11 am

      Tutti gli omicidi colposi (tre amici in macchina sul ghiaccio) vengono saldati con 900.000.ooo di lire , ma vai al cinema che è stata una disgrazia e nessuno và in galera nemmeno se ubriaco o drogato come te !
      Il risarcimento è stao giustamente spontaneo per una minore a bordo !

      • giuseppe Reply

        18 maggio 2015 at 2:36 pm

        Si deve vergognare lei e il suo padrone a usare questo post x propaganda.1. Grillo ha deliberatamente percorso una strada militare vietata, pericolosissima, con il suo suv, ha ucciso 3 persone e senza mai chiedere scusa, come ha riferito la superstite, uno cosi non dovrebbe pontificare di morale, deve stare zitto e muto, anche oggi due omicidi stradali.
        2. Grillo, visto il clamore suscitato dalle sue demenziali dichiarazioni, ha poi fatto marcia indietro. Ma tanto basta ad inquadrare il secondo dei grillini,già non bastava casaleggio e i Sassoon, ora ex.soci
        3. Ho una mamma e sorella e so cosa vuol dire trepidare nell’attesa del responso.
        4. Drogato o ubriaco lo dira ai suoi amichetti o ex.mariti, mi riservero azioni legali, ho toccato i poteri forti, brava mia cara Laura

      • giuseppe Reply

        18 maggio 2015 at 2:41 pm

        Il risarcimento fu per non finire in galera, ha pensato bene nel 1981, il grande comico, si vergogni, lei e il suo comico, ora il cancro prima hiv,si vergogni e cambi partito

  • Mammografia: Salute Donna si schiera contro Grillo | aggregator Reply

    16 maggio 2015 at 12:26 pm

    […] Mammografia: Salute Donna si schiera contro Grillo […]

  • giuseppe Reply

    19 maggio 2015 at 3:50 pm

    Pierfranco Conte, docente di oncologia all’Università di Padova e primario del reparto di oncologia medica dell’Istituto oncologico veneto.
    http://www.dica33.it/cont/interviste/1505/1800/mammografia-lesperto-allo-screening-occhio-trattamento-eccessivo.asp“personalmente sono convinto che valga senz’altro la pena raccomandare lo screening biennale, in questa fascia di età, perché complessivamente grazie alla mammografia siamo riusciti non solo a ridurre la mortalità – anche se in misura inferiore alle attese – ma anche a ridurre le dimensioni medie del tumore alla diagnosi e quindi la necessità di chirurgia radicale della mammella. Inoltre è diminuita la proporzione di casi con interessamento dei linfonodi ascellari, e questo ha reso sempre meno necessario lo svuotamento del cavo ascellare, con tutte le complicanze associate». “

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it