Marco Pantani, l’ultima perizia dei medici: “Overdose da psicofarmaci”

C_4_articolo_2099517_upiImageppMarco Pantani esagerò con gli anti-depressivi: troppe pasticche e troppo potenti. Lo afferma la perizia conclusiva dell’Istituto di Medicina legale di Verona consegnata alla Procura di Rimini. Nell’analisi tossicologica viene “ridimensionata la questione cocaina anche se rimane una concausa” della morte del pirata, avvenuta il 14 febbraio del 2004. Il pm del capoluogo romagnolo nel 2013 ha riaperto il caso dopo la denuncia della mamma del ciclista.
Secondo la donna, il figlio fu assassinato simulando un’overdose. Una teoria avvalorata dalla consulenza del direttore della sezione di medicina legale dell’Università di Ferrara, Francesco Maria Avato, e dalla certezza, messa nero su bianco dal medico legale dell’epoca, Giuseppe Fortuni, ma che oggi sembra venir meno, che la causa della morte fu proprio la cocaina.

A ridimensionare il ruolo della droga nel decesso del Pirata, scrive il Corriere della Sera, sono stati due esami: una cromatografia liquida, per identificare le componenti della miscela che ha ucciso il ciclista, e una spettometria di massa, per trovare eventuali sostanze sconosciute e stabilirne il peso. La conclusione esclude il delitto: Pantani morì a causa di un mix letale di anti-depressivi e di cocaina, ma in dosi meno consistenti di quanto detto finora. L’inchiesta per omicidio, riaperta dopo la denuncia della mamma del campione, potrebbe presto venire archiviata.

TGCOM

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • marco Reply

    9 marzo 2015 at 3:42 pm

    … e ti pareva! Per me l’hanno fatto fuori.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it