Marino ritira le dimissioni e spacca il Pd romano

tbmwc
Alla fine Ignazio Marino le dimissioni le ha ritirate sul serio: a tre giorni dalla scadenza del termine per revocarle, Marino torna sui suoi passi e si tiene stretta la poltrona di primo cittadino.

Davanti alla scelta del sindaco, il Pd romano si è spaccato: gli assessori Esposito, Pucci, Causi, Di Liegro Rossi Doria e Marinelli annunciano le proprie dimissioni mentre restano al proprio posto Cattoi, Caudo ed Estella Marino.

In ogni caso, il Pd romano se adesso non vuole più saperne di Marino ha solo due strade: firmare e poi votare la mozione di sfiducia delle opposizioni oppure le dimissioni in blocco del gruppo consiliare, ma ha sempre bisogno delle dimissioni di una parte dell’opposizione: se i consiglieri che presentano le dimissioni nonsono almeno 25, il consiglio comunale non decade. Insomma, il Pd dovrebbe mandare a casa un sindaco esponente del proprio partito e per farlo deve agire assieme ai 5 stelle o, peggio per loro, assieme ad Alemanno. Una sconfitta politica su tutta la linea: forse Matteo Orfini, commissario del Pd a Roma, dovrebbe stare sereno.

Redazione

Redazione1905 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • Marinaccio Reply

    31 ottobre 2015 at 1:03 am

    E nelle fogne dove alloggiano topi repellenti quanto lui.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it