Marò: istituito il Tribunale arbitrale, nominati i 5 giudici

maròSi è costituito oggi, con la nomina dei 5 giudici, il Tribunale arbitrale che dovrà risolvere la controversia sul caso dei marò tra Italia e India. Ad annunciarlo ufficialmente è stata la Corte permanente di Arbitrato (Cpa) dell’Aja che ospiterà il Tribunale. Insieme agli arbitri italiano Francesco Francioni e indiano P. Chandrasekhara Rao, sono stati nominati dopo una serie di consultazioni tra le parti il coreano Jin-Hyun Paik, il giamaicano Patrick Robinson e il presidente del Tribunale, il russo Vladimir Golitsyn.

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • Monica Cappellini Reply

    7 novembre 2015 at 9:44 am

    e che sia la volta buona. Chissa’ quante speculazioni sporche del ns pseudo governo dietro due Maro’……”tutti avanti nessuno indietro” invece al governo tutti zitti a far papocchi
    Ma ripeto che sia la volta finale.

  • Paolo Reply

    7 novembre 2015 at 4:44 pm

    Speriamo che sia la volta buona, e soprattutto speriamo che i nostri due soldati vengano finalmente assolti.

    Innanzi tutto per una questione umana ed anche giuridica; sono anni che questa vera e propria farsa sta andando avanti in modo asmatico, con tutte le ripercussioni del caso sulla vita e sullo spirito dei nostri due ragazzi.

    In secondo luogo, spero nell’ assoluzione anche per riuscire una volta tanto a sbatterla in faccia a tutta quella pletora di colpevolisti da tavolino, gente che non sapeva niente e che si è permessa di gettare sui nostri due soldati il fango più immondo. Vorrei proprio tanto avere la soddisfazione, a questa gentaglia, di poter chiudere almeno per un po’ le loro maledette boccacce.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it