Massa: favole gender raccontate ai bambini dell’asilo

bimbi materna bambini scuolaIl caso gender approda negli asili massesi e, come da copione, scoppiano le prime polemiche contro il cosiddetto progetto “Liber* tutt*”, che prevede la narrazione di favole sul tema sopracitato ai bambini delle scuole materne. A presentare una mozione in regione, a sfavore del piano d’integrazione dell’ideologia dei molteplici orientamenti sessuali, nella mattinata odierna è il consigliere Giovanni Donzelli (FdI), che spiega così la sua presa di posizione: “Le favole gender all’asilo sono una inaccettabile violenza sui bambini. La Regione fermi i finanziamenti di questa pessima iniziativa nelle scuole di Massa- dichiara Giovanni Donzelli, capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Toscana- Ciascuno può avere le inclinazioni sessuali che vuole, ma giù le mani dai nostri bambini. Lasciateli crescere in pace con le favole in cui il cavaliere combatte per salvare la principessa e per arrivare a quel dolcissimo vissero felici e contenti. La Regione non può finanziare gli inquinatori dei sogni dei nostri bambini. “Con la scusa di combattere le ‘discriminazioni di genere’ – prosegue Donzelli- in realtà si promuove, in bambini anche piccolissimi, un atteggiamento discriminatorio nei confronti della famiglia tradizionale, si offendono uomini e donne eterosessuali nonché si umiliano le donne che scelgono di occuparsi della famiglia e della casa”. A favore della parole del consiglier Donzelli si schierano anche Alessandro Amorese e Marco Guidi, dirigenti a Massa del movimento di Giorgia Meloni:”Queste iniziative- commentano- rischiano di gettare discredito nei confronti dei genitori e di creare confusione e insicurezza nei bambini.”

[Fonte: Quotidiano Apuano]

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • Frank Reply

    3 novembre 2015 at 12:24 pm

    Sacrosanto!
    Già oggi gli eterosessuali rappresentano, agli occhi dei “progressisti”, uno sparuto gruppo di poverelli afflitti da idee retrograde. Cosa c’è, infatti di sublime nel fatto che a un uomo piacciano le donne e viceversa? Andiamo! E’ roba da medioevo! Oggi la modernità di idee, il gusto, il sapere, appartengono indiscutibilmente a gay, lesbiche e bisessuali, loro si che sanno gustare tutto il sapore della vita!
    E i bambini, allora, chi li fa?
    Quelli? Ma quelli, presto, li venderanno in offerta nei supermercati!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it