No Expo a Milano: sequestrate molotov e spranghe, 26 denunce un arresto

(AGI) – Milano, 28 apr. – Nel corso dei sequestri condotti dalla Digos e dagli agenti del noexpocommissariato Lorenteggio stamane a Milano, e’ stato rinvenuto anche materiale per fabbricare molotov. – GUARDA LE FOTO – E’ quanto fa sapere la Questura, in una nota, in cui precisa che e’ di 26 denunce e un arresto il bilancio complessivo dell’operazione, condotta a due giorni dall’inaugurazione di Expo. Gli agenti hanno perquisito alcuni appartamenti occupati della zona Giambellino-Lorenteggio, tra cui quelli ai numeri 1 e 2 in via degli Apuli e i locali di via Odazio, sede della ‘Base di solidarieta’ popolare’, uno dei circoli anarchici della zona. Gli agenti, secondo quanto reso noto dalla Questura, hanno identificato complessivamente 26 persone, di cui 6 italiani, 4 tedeschi e 16 francesi. Tra quest’ ultimi, solo cinque persone erano munite di documenti di identificazione. In mattinata i siti antagonisti avevano diffuso la notizia dell’accompagnamento in questura di 8 francesi.   Durante le perquisizioni sono stati rinvenuti 20 martelletti frangivetro, petardi ed artifizi pirotecnici, mazze, fionde, maschere antigas, mazze con punta in ferro.   Nell’auto di un giovane tedesco parcheggiata in via Odazio la polizia ha rinvenuto una tanica di benzina, bottiglie, pezzi di stoffa, un imbuto e carta igienica, tutto il materiale adatto al confezionamento di bottiglie molotov. Il ragazzo e’ stato arrestato con l’accusa di detenzione di materie esplodenti, gli altri giovani sono stati denunciati per l’occupazione di immobili. Le autorita’ stanno anche valutando l’adozione di provvedimenti di allontanamento obbligatorio dal territorio nazionale per motivi di ordine pubblico. (AGI) .

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it