Onore ai caduti di Nassiriya

info nassiMassimiliano, Enzo, Andrea, Giuseppe, Horacio, Daniele, Giovanni, Alfio, Ivan, Filippo, Domenico, Alfonso, Pietro, Massimo, Alessandro, Silvio, Emanuele, Marco, Stefano. Chi scrive era appena un ragazzino quando quel maledetto 12 novembre 2003 questi diciannove italiani (dodici carabinieri, cinque militari e due civili) morirono a Nassiriya, in Iraq, durante un attentato terroristico contro la caserma in cui si trovavano.

Sono passati dodici anni da quel giorno e il pensiero di questo eroi riempie ancora i nostri occhi di lacrime, gonfia i nostri petti, ci fa sentire più italiani. In questi anni Massimiliano, Enzo, Andrea, Giuseppe, Horacio, Daniele, Giovanni, Alfio, Ivan, Filippo, Domenico, Alfonso, Pietro, Massimo, Alessandro, Silvio, Emanuele, Marco, Stefano, sono stati oltraggiati, insultati, denigrati da chi non ha rispetto per niente, nemmeno per chi riposa in pace sotto terra. 

La nostra risposta non deve essere uguale a quella di chi li attacca, ma deve passare attraverso il ricordo. E’ la nostra vera arma questa. Dimenticare i morti di Nassiriya è quasi peggio che insultarli. Ce chi lo ha fatto e tutt’ora si trova nei palazzi del potere.

@eugcipolla

 

 

 

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • emi Reply

    12 novembre 2015 at 11:55 am

    non possiamo dimenticarli mai! eroi veramente

  • Nocchi Bruno Reply

    13 novembre 2015 at 4:40 pm

    Erano in missione di pace.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it